FUMETTI VIDEOGIOCHI TV CINEMA
Il nuovo gusto del cinema

The Wolverine, i piani di James Mangold

wolverine.jpg

Il prossimo anno le riprese di The Wolverine, il seguito di X-Men Le Origini: Wolverine, potranno finalmente partire dopo i vari intoppi che ne hanno rallentato la pianificazione, non ultimo il drammatico terremoto avvenuto in Giappone, nazione che dovrà ospitare gran parte delle riprese. The Playlist ha parlato con il regista James Mangold per scoprire quali siano le sue intenzioni circa il registro da conferire alla pellicola. Ecco le sue parole:

E' un'avventura particolare che segue un personaggio peculiare in un ambiente davvero unico. Il fatto che la metà dei personaggi del film parlino in giapponese, lo rende quasi una sorta di film di supereroi in lingua straniera fortemente incentrato sulla storia del personaggio, sui toni da noir e da detective story proposti dalla vicenda che, naturalmente, avrà anche delle sequenze d'azione davvero adrenaliniche.

Mangold ha anche affermato di aver discusso del film con regista precedentemente incaricato di portarlo sullo schermo, Darren Aronofsky, specificando che anche se il cuore della storia si baserà sullo script di Christopher McQuarrie, lui e Mark Bomback hanno rimesso mano alla sceneggiatura riscrivendola e comparandola a quella di film come Chinatown o Il Texano dagli Occhi di Ghiaccio.

E' più focalizzata sullo smarrimento di Logan nell'isolata terra giapponese, con la sua cultura di gangster e ninja. Le scene di lotta saranno uniche, influenzate in larga parte dallo stile delle arti marziali nipponiche. Anche se, più di ogni altra cosa, sarà incentrata sul personaggio di Wolverine che si porrà interessanti domande, che mi hanno davvero coinvolto, sul senso dell'essere immortali. Che scopo ha il non morire quando le persone che ami e che ti stanno intorno scompaiono mano a mano? E questo a prescindere dal fatto che vengano uccise o muoiano di vecchiaia. Quanto può pesare il fardello del dover continuamente salvare il genere umano che si ritrova a ripetere costantemente gli stessi errori? Qual è il tributo che ti viene richiesto in quanto essere umano che si ritrova a vivere una vita perenne?