FUMETTI VIDEOGIOCHI TV CINEMA
Il nuovo gusto del cinema

Resident Evil e Prometheus vincono il week end

resident evil.jpeg

A conquistare la vetta del box office americano è Resident Evil: Retribution, il quinto capitolo della saga di moviegame horror diretta da Paul W.S. Anderson. La pellicola tratta dal franchise Capcom incassa poco più di 21 milioni di dollari. Il risultato è inferiore rispetto alle performance di Resident Evil: Afterlife che nello stesso lasso di tempo, nel 2010, aveva portato nelle casse della Sony e della Screen Gems quasi 27 milioni. Il lungometraggio però ha già raccolto 71 milioni di dollari a livello worldwide, contrariamente ai 66 di Afterlife, e, all'appello, mancano ancora mercati come quello italiano, tedesco, inglese, francese e spagnolo; il franchise, fermo a un giro d'affari complessivo di 675 milioni di dollari, potrebbe quindi arrivare alla soglia del miliardo nel corso delle prossime settimane. Resident Evil: Retribution, distribuito anche nel circuito IMAX, ha visto sei milioni di dollari del proprio Box Office arrivare proprio da queste sale. Fra mercato IMAX domestico e internazionale è, sostanzialmente, un pareggio: 3.100.000 milioni negli Stati Uniti e 3.000.000 nel resto del mondo.

Il pesce smarrito della Pixar, rinvigorito dalla riproposizione stereoscopica è secondo. Alla Ricerca di Nemo 3D apre con 17.504.000$, una prova in linea con quella di altri film riproposti in 3D come Titanic e La Bella e la Bestia. Il thriller horror prodotto da Sam Raimi e diretto da Ole Bornedal, The Possession, è terzo con 5.800.000. La scatola del Dybbuk avrà anche tormentato i suoi possessori con accadimenti paranormali, ma l'opera cinematografica ad essa ispirata avrà sicuramente allietato Sam Raimi e la Lionsgate: in tre settimane gli incassi hanno raggiunto i 41 milioni di dollari, a fronte di un budget di 14. Chiudono le prime cinque posizioni della classifica americana Lawless, 4.219.000$ e ParaNorman, 3.039.000$.

Il dato più interessante della chart statunitense arriva, però, dalla diciottesima posizione, dove troviamo The Master di Paul Thomas Anderson. Distribuito dalla Weinstein Company in sole 5 sale, l'opera ispirata alla vita del fondatore di Scientology ha raggranellato ben 730.000 dollari, con una media per sala impressionante di 146.000 dollari. Si tratta di un nuovo record dopo quello stabilito, in precedenza, da Moonrise Kingdom di Wes Anderson con 130.749$.

Passando alla piazza nazionale, Prometheus, di Ridley Scott guadagna la prima posizione, nonostante il ritardo con cui la pellicola è stata distribuita in Italia. Arrivato in circa 550 sale, lo sci-fi ha incassato 1.966.287€ con una buona media per sala di 3.575€. Ribelle – The Brave, in seconda posizione, recupera parte del terreno perso: con 1.341.646€ arriva a un box office complessivo di 4.637.244€. La corazzata dell'allegra combriccola di Madagascar 3, con un calo del 37% e un incasso di 1.070.309€ sfonda la soglia dei 20 milioni di euro (20.004.210€). Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno è quarto con 902.292€ e una performance complessiva di 13.246.661€. In quinta posizione, con 502.309€, troviamo la new entry Cosa Aspettarsi quando si Aspetta, la commedia di Kirk Jones tratta dall'omonima guida best seller scritta da Heidi Murkoff e Sharon Mazel.