FUMETTI VIDEOGIOCHI TV CINEMA
Il nuovo gusto del cinema

David Goyer parla dell’Uomo d’Acciaio e Batman al Roma Fiction Fest

superman.jpg

Oggi al Roma Fiction Fest è stata la giornata di Da Vinci's Demons, la serie televisiva di FX UK e Starz creata da David S. Goyer (potete leggere l'intero articolo sulla conferenza in questa pagina).

A presentare le primissime scene della serie c'era proprio lo sceneggiatore e regista, autore tra l'altro della storia della trilogia di Batman di Christopher Nolan. Inevitabile, quindi, qualche domanda non tanto sul futuro della saga di Batman, quanto sulla nuova avvantura che Goyer e Nolan stanno curando per la Warner Bros. assieme a Zack Snyder: il reboot di Superman, ovvero Man of Steel.

A questo proposito il moderatore Mario Sesti ha posto una domanda sul film, cui Goyer ha risposto così:

Lei è molto bravo a fare due cose: creare storie fantastiche e completamente originali, ricche di aspetti soprannaturali o fantasy, oppure prendere storie altrui (in particolare i fumetti) e reinventarle in maniera altrettanto originale. Sappiamo che sta lavorando a un nuovo grande progetto su un supereroe DC Comics. Quali aspetti comuni ad altri suoi lavori farà emergere in questo film?
Stiamo parlando dell'Uomo d'Acciaio, vero? Il lavoro che abbiamo fatto io e Christopher Nolan è stato cercare di portare lo stesso naturalismo della trilogia di Batman. Il nostro è sempre stato un approccio naturalista, realistico, cerchiamo sempre di immaginare queste storie come se potessero accadere nello stesso mondo in cui viviamo. Non è una cosa facile con Superman, e ciò non significa per forza che sarà un film dark, ma nel lavorare a questo reboot stiamo pensando a cosa potrebbe succedere se una storia come questa avvenisse davvero. Come reagirebbe la gente comune? Quali ripercussioni ci sarebbero? Quello che piace fare a me sono storie ambientate in "generi", pezzi di "genere", che tuttavia non siano dei cartoon, dei fumetti. Ho fatto la stessa cosa con Da Vinci's Demons, e farò lo stesso con L'Uomo d'Acciaio.

Inutile dire che siano state poste anche alcune domande sulla trilogia di Batman. Goyer ha confermato di essere sicuro che la Warner Bros. continuerà la saga di Batman nel futuro, ma che per quanto riguarda lui e Nolan il lavoro è definitivamente finito.

Goyer ha anche risposto a una domanda sull'aspetto più "politico" del Cavaliere Oscuro – il Ritorno, del quale qui in italia si è particolarmente dibattuto, ovvero sul fatto che il film possa avere riferimenti al movimento Occupy e spalleggi in qualche modo la repressione di ciò che possono essere le ribellioni degli "indignati". Questa la sua riflessione:

Diciamo che ogni volta che lavoro su un pezzo di fiction, che sia Superman, Call of Duty, Da Vinci, cerco di capire quali problematiche sono in corso nel Mondo, e cerco di ricollergarmici, in modo da rendere più attuale il mio progetto. Detto questo, quando abbiamo scritto Il Cavaliere Oscuro – il Ritorno il movimento Occupy non c'era ancora stato. Diciamo che abbiamo "presagito" che ci sarebbe stato molto scontento popolare, e abbiamo pensato che sarebbe stata una bella opportunità per generare ulteriori riflessioni legate a questa storia. Lavorare su elementi rilevanti dal punto di vista sociale non può che rendere il tutto più interessante…

 

 

Ecco la sinossi del film:

Nel pantheon dei supereroi, Superman è il personaggio più riconoscibile e riverito di tutti i tempi. Clark Kent/Kal-El (Henry Cavill) è un giovane intorno ai vent'anni che si sente alienato dai suoi poteri che oltrepassano qualsiasi immaginazione. Trasportato tempo fa sulla Terra da Krypton, un pianeta tecnologicamente avanzato e distante, il giovane Clark è attanagliato dalla domanda "Perché sono finito quaggiù?". Plasmato dai valori dei suoi genitori adottivi, Martha (Diane Lane) e Jonathan Kent (Kevin Costner), Clark scopre che l'avere delle straordinarie abilità conduce a dover intraprendere delle difficili decisioni. E quando il mondo è in estremo bisogno di stabilità, ecco sorgere una minaccia ancor più grande. Clark dovrà diventare l'Uomo d'Acciaio per proteggere le persone che ama e per ergersi a salvatore del genere umano.

Oltre a Henry Cavill, nel cast anche Amy Adams, Russell Crowe, Diane Lane, Kevin Costner, Michael Shannon, Antje Traue, Ayelet Zurer e Laurence Fishburne.

Man of Steel uscirà il 14 giugno 2013.