Sono stati anni difficili per la Sony fra un attacco di cyber terrorismo e il non adeguato sfruttamento d’importanti brand, Spider-Man su tutti.

La news riportata da Variety relativa al fatto che lo studio si sta accingendo a licenziare 20 dei suoi 600 dipendenti delle aree marketing e distribuzione è, purtroppo, tutt’altro che sorprendente considerato che, oltretutto, arriva dopo gli insuccessi di pellicole come Grimsby – Attenti a Quell’Altro, Concussion,PPZ – Pride and Prejudice and Zombies.

A margine di ciò, Danielle Misher e Damon Wolf sono stati promossi a co-heads del marketing di Screen Gems, TriStar e relative acquisizioni. Misher in precedenza si occupava della supervisione del marketing di Screen Gems, e Wolf era EVP del marketing e creative advertising presso Sony Pictures.

Josh Greenstein, presidente del marketing e distribuzione della Sony, ha annunciato i cambiamenti con una mail allo staff, contestualizzandoli nella serie di mosse strategiche atte a far sì che la compagnia possa adattarsi ai cambiamenti necessari per il futuro. Un futuro che, nei prossimi mesi, farà affidamento sul reboot di Ghostbusters, il nuovo Spider-Man, La Torre Nera, il dramma sci-fi con Jennifer Lawrence e Chris Pratt Passengers nonché i sequel di Bad Boys e The Equalizer.