Qualche settimana fa Ang Lee aveva promesso di portare le prime scene di Billy Lynn’s Long Halftime Walk alla CinemaCon di Las Vegas e proiettarle come sono state girate, ovvero a 120 fotogrammi al secondo, per convincere gli esercenti a proporre il film nel formato originale.

Promessa mantenuta: il trailer è stato proiettato in HFR (ricordiamo che Lo Hobbit è stato girato e proiettato a 48 fotogrammi al secondi, meno della metà della velocità, e che tradizionalmente un film viene girato e proiettato a 24 fotogrammi al secondo). Le reazioni sono state piuttosto positive, almeno tra quelle che sono trapelate su Twitter, e l’idea è che il film sarà “molto emozionante”, come sottolineano praticamente tutti. Ecco alcune reazioni sparse:

Scritto da Simon Beaufoy, il film è tratto dal romanzo È il tuo Giorno, Billy Lynn?: potete leggere la trama qui sotto.

I dieci soldati della squadra Bravo hanno compiuto una coraggiosa azione di guerra in Iraq, immortalata per caso dalle telecamere di un tg; trasformati di colpo in eroi nazionali, vengono richiamati in patria per due settimane di Victory Tour (interviste in tv, visita alla Casa Bianca, comizi pubblici aperti dal sermone di un predicatore), che culminano nell’apparizione come ospiti d’onore alla tradizionale, popolarissima partita di football del Giorno del Ringraziamento. Durante questa fatidica giornata, fra le strette di mano ai petrolieri texani, le canne fumate di nascosto, il trauma ancora vivissimo della recente morte di un compagno, la sensualità delle cheerleader, le avances di Hollywood e una proposta di diserzione, il diciannovenne caporale Billy Lynn cerca di non impazzire: la mattina dopo, la squadra deve tornare al fronte. La spettacolarizzazione dello sport e della guerra, il conflitto di classe, lo strapotere dell’entertainment e del mercato, ma anche la forza dell’amicizia, la paura della morte e la scoperta dell’amore.