“Avevo dieci anni quando scoprii il primo albo di Valerian. Penso che la cosa che mi colpì subito fu la narrazione: era la prima volta che vedevo una coppia moderna, i protagonisti si comportavano due persone normali di tutti i giorni”: così Luc Besson introduce una lunga e interessante featurette di Valerian e la Città dei Mille Pianeti. In quattro minuti il regista parla della sua passione per i fumetti originali, e spiega come mai c’è voluto così tanto tempo per far arrivare questa storia al cinema.

Potete vedere il video qui sotto:

 

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Prodotto dalla EuropaCorp di Besson, il film è un adattamento della graphic novel di Pierre Christin e Jean-Claude Mezieres “Valérian e Laureline agenti spazio-temporali”, ambientata nel mondo del 28esimo secolo. Una pellicola fantascientifica ad alto budget i cui effetti visivi verranno realizzati dalla Weta Digital, la Industrial Light & Magic e Rodeo FX.

A scrivere l’adattamento Luc Besson. Questa la sinossi ufficiale:

Nel film, Valerian (Dane DeHaan) e Laureline (Cara Delevingne) sono agenti speciali del governo dei territori umani, e devono mantenere l’ordine nell’universo. Valerian ha in mente qualcosa di più di un semplice rapporto lavorativo con la sua partner – proponendosi apertamente a lei. Ma la sua lunga storia con le donne, e valori tradizionali di lei, fanno sì che vi sia un costante rifiuto.

Sotto le direttive del loro comandante (Clive Owen), Valerian e Laureline si imbarcano in una missione nella città intergalattica mozzafiato di Alpha, una metropoli in continua espansione la cui popolazione è composta da migliaia di specie diverse da tutti e quattro gli angoli dell’universo. I 17 milioni di abitanti di Alpha hanno unito i loro talenti, le loro tecnologie e le loro risorse per migliorare le condizioni di vita di tutti. Sfortunatamente non tutti ad Alpha condividono gli stessi obiettivi: forze oscure sono all’opera per mettere in pericolo il genere umano.

Del cast, oltre a Cara Delevingne, fanno parte anche Dane DeHaan, Rutger Hauer, John Goodman, Clive Owen, Ethan Hawke, Herbie Hancock e Rihanna.