Gary Oldman (James Gordon in Batman Begins) ha parlato con IGN.com del suo ruolo nel film e delle riprese che si stanno effettuando.

Effettivamente colpisce che sia stato scelto proprio lui, noto per le sue interpretazioni di "cattivo" (è stato Dracula e Ponzio Pilato) o comunque di ambiguo (come nel recente Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban), a interpretare il ruolo dell'alleato di vecchia data di Batman, James Gordon. Tra l'altro, è anche piuttosto giovane per la parte e così il suo personaggio potrebbe risultare rinnovato.

Oldman non è un appassionato di fumetti, e non ha mai letto niente di Batman, ma conosce Christopher Nolan ed è sinceramente stupito del fatto che da film come Memento e Insomnia sia passato a un franchise come Batman. Evidentemente deve esserci dietro una grande passione, perché secondo l'attore i produttori non sono certo venuti a bussare alla porta di Nolan dal nulla. Ma proprio questa passione può fare si che il regista sia la persona adatta a riportare Batman indietro da dove 'nessun uomo si era mai avventurato' (e qui scherza ovviamente sull'ultimo episodio della saga, Batman & Robin, che ha deluso molti).
Una delle difficoltà con un personaggio come Gordon è che è stato interpretato da altri attori. Con Sirius Black c'era la fortuna di interpretare un personaggio mai visto prima, mentre in questo caso Oldman deve tenere conto del confronto. tuttavia come sappiamo Batman begins si distaccherà molto dai precedenti, già il titolo lo preannuncia, e così le differenze non dovrebbero stridere troppo.
Un aiuto nell'interpretazione gli è comunque venuto dal fatto che Gordon è uno dei personaggi su cui si è scritto di più negli anni, dal punto di vista della psicologia, e questo ha potuto appurarlo navigando un pò in rete. Tra la documentazione che ha trovato e lo script, quindi, Oldman è riuscito a capire bene il suo personaggio pur non avendo mai approfondito le sue conoscenze sul fumetto.

Un'altra distanza con i film precedenti verà presa proprio nella gestione del ruolo di Gordon. Se nei passati Batman la relazione tra il poliziotto e il pipistrello mascherato è sempre stata piuttosto fredda, distaccata, in Batman Begins si è deciso di stabilire tra i due quel rapporto vicino e fraterno, da veri alleati, che traspare dal fumetto.
Tra le tante difficoltà c'è poi la caduta di stile che si è avuta nei film precedenti, ovvero il non prendere sul serio il personaggio. Oldman precisa che in certi momenti è davvero difficile prendere sul serio la situazione, ma siccome la trama è tratta da un fumetto, e la storia e le ambientazioni sono quelle, è proprio il prendere sul serio ciò che accade e ciò che si ha di fronte che fa la differenza, e rende il tutto veramente reale.

Oldman conclude l'intervista spiegando che sebbene si tratti di un film prevalentemente d'azione, questa ovviamente fa parte del personaggio di Batman e non del suo. Gordon è quello che "fa le domande", e così spesso le sue battute si concentrano nella richiesta di spiegazioni, proprio come una spalla, e questo deriva molto dal fumetto.

Potete leggere l'intera intervista su IGN.com.

Grazie a Sybilla per la segnalazione


Nel frattempo, sono uscite due immagini nuove. Una è tratta proprio dall'articolo sopra citato, e ritrae Oldman durante le riprese:

L'altra è una nuova immagine di Batman: