Fonte: The Hollywood Reporter

In un editoriale sull'Hollywood Reporter lo storico regista e produttore David Zucker (del trio Zucker-Abrahams-Zucker) ricorda Leslie Nielsen, scomparso a 84 anni due giorni fa:

Era l'estate del 1979, tre settimane prima che iniziassimo a girare L'Aereo Più Pazzo del Mondo, e il nostro direttore del casting aveva tirato in mezzo parecchi attori. Lloyd Bridges, Robert Stack, Peter Graves e adesso… Leslie chi? Il pubblico conosceva i primi tre, ma questo qui… era vero, quando venne il momento di selezionare un attore per interpretare il Dr. Rumack, mio fratello Jerry, Jim Abrahams e io ci ricordammo: "Questo tizio ha fatto centinaia di show in TV, e penso che fosse il capitano del Poseidon. Ma come si chiama…" Cercammo in giro e scoprimmo che si chiamava Leslie Nielsen. Eravamo eccitati quando accettò di incontrarci, non solo perché era divertente ma anche perché aveva un curriculum molto corposo. A noi sembrava isterico. La lunga lista di ruoli drammatici ci dimostrava che sarebbe stato perfetto: quando vedevamo i film, ci mettevamo a ridere.Leslie Nielsen

Al primo incontro ci disse orgoglioso di aver fatto un episodio di M*A*S*H*. Lo rassicurammo che una esperienza nella comicità non sarebbe stata negativa. Quando lesse la sceneggiatura del nostro film, ne comprese da subito la natura non convenzionale, e il suo stile fuori dagli schemi. Scoprimmo più avanti che aveva detto al suo agente di accettare qualsiasi offerta, e che piuttosto avrebbe pagato lui per essere nel film. Inutile dire che il ruolo migliore del film fu proprio il Dr. Rumack, interpretato dall'uomo che nessuno voleva che fosse divertente o che avrebbe mai sospettato potesse esserlo, e nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe stato il via a una seconda carriera come attore comico. Leslie fu perfetto nel ruolo perché si prendeva totalmente sul serio, nonostante sapesse di essere in una commedia. Era perfetto per lo stile del film, e Leslie aveva un istinto naturale per questo genere di cose.

In tutti i film che facevamo insieme, sapeva che stava lavorando bene perché "riuscivo a sentire David che rideva durante le riprese," avrebbe detto lui. Ed era vero! Difficile rimanere in silenzio durante la scena di "Nice beaver".

Fuori dalle scene, non raccontava barzellette ma era un burlone cronico. Ci sono innumerevoli storie sul petofono che si portava sempre in giro, tenendolo nascosto e usandolo a sorpresa con chiunque si avvicinasse a lui. Lo usava sul set, durante i talk show, ovunque riuscisse a trovare una vittima. Una volta, durante una conferenza stampa a Charlotte, ricordo di aver osservato Leslie mentre ci dava dentro con quel petofono dentro a un ascensore affollato, con gli altri occupanti che si dibattevano per andare contro le pareti e allontanarsi. Proprio come nelle scene in cui lo mettevamo, lui non usciva mai dal personaggio, non faceva mai capire che sapeva di essere divertente.

(…) Leslie era grato per qualsiasi cosa fosse accaduta nella sua vita, soprattutto per sua moglie Barbaree, come se pensasse di non meritare nulla di tutto ciò. Forse è per questo che era così felice. E forse è per questo che era così bravo a fare felici gli altri. 

Discutiamone sul Forum Cinema