E' il presidente della Sony Pictures Entertainment Kazuo Hirai a confermare all'Hollywood Reporter che la casa di produzione NON è in vendita.

Negli ultimi giorni i rumour avevano iniziato a girare in seguito alla notizia che la compagnia ha deciso di tagliare i futuri investimenti nella produzione a causa della congiuntura economica e dei problemi finanziari della casa madre giapponese. Interrogato dal quotidiano, Hirai ha quindi risposto:

ps_management_full_kaz.jpgI rumour di una vendita della Sony Pictures non sono veri. Le nostre compagnie di intrattenimento hanno business stabili e sono destinate a crescere nel futuro. Non c'è alcuna ragione di vendere una proprietà così importante per l'industria e non stiamo nemmeno prendendo in considerazione la cosa.

Diverse fonti comunque confermano all'Hollywood Reporter che lo studio rimarrà "praticamente paralizzato" fino alla fine dell'anno fiscale, ovvero il 31 marzo, a causa di direttive da parte di Tokyo verso un riassetto dei progetti in lavorazione. In questo senso si inquadra la vendita di metà del progetto di George Clooney Monuments Men alla Fox, e l'accordo di Adam Sandler (storico talent della compagnia) con la Paramount per Ridiculous 6.

Per quanto riguarda il franchise di Ghostbuster, qualsiasi decisione sul terzo film verrà "presa dopo la fine di marzo 2013", anche se lo sceneggiatore Etan Cohen ha già ottenuto un assegno sostanzioso per scrivere la sceneggiatura. Le riprese dovevano iniziare nell'estate del 2013, ma "a questo punto non inizieranno prima dell'autunno".