Ha da poco fatto capolino nel mondo di Hollywood e sta già creando problemi.

Taron Egerton, la giovane star di Kingsman: Secret Service e prossimamente al cinema in Legend accanto a Tom Hardy, è al momento l’oggetto di contesa tra due colossi cinematografici: la Lionsgate e la 20th Century Fox.

La prima vorrebbe accaparrarsi l’attore già da febbraio (sebbene inizialmente la produzione fosse programmata per l’estate) per le riprese di Robin Hood: Origins, una nuova iterazione dedicata al bandito di Nottingham; la seconda vorrebbe Egerton ad aprile, per il sequel di Kingsman: Secret Service (che non ha ancora ufficialmente un regista e uno script definitivo).

È chiaro che, vista la natura dei progetti, bisognerà presto trovare un compromesso. I due studi, ricordiamo, si erano già accordati qualche mese fa per permettere a Jennifer Lawrence di partecipare all’ultimo Hunger Games e a X-Men: Apocalypse, perciò la speranza è che facciano lo stesso anche in questo caso.

Egerton tra l’altro ha un’opzione con la Fox per il sequel del cinecomic di Matthew Vaughn, perciò è possibile che si decida di dare la priorità a tale progetto (qualora fosse pronto a partire) facendo così slittare l’altro.

La Lionsgate, dal canto suo, sembrerebbe molto ansiosa di dare il via libera al film di Robin Hood prodotto dalla Appian Way di Leonardo DiCaprio, e a buon diritto; sono già in sviluppo da diverso tempo, infatti, altri tre progetti concorrenti: quello della Disney, quello della Warner Bros. e quello della Sony.

Vi terremo aggiornati.

L’ultimo film dedicato alla figura del fuorilegge di Nottingham è approdato al cinema nel 2010 per la regia di Ridley Scott, con protagonisti Russell Crowe e Cate Blanchett.

 

kingsmantaronegerton