È Hunger Games: il Canto della Rivolta – Parte 2 a vincere al box-office americano nel Giorno del Ringraziamento. Come per tutte le festività, il giorno festivo vero e proprio non genera mai incassi stratosferici, ma è nel weekend lungo che i cinema danno ottimi risultati. Nel caso di ieri, il capitolo finale della saga tratta dai romanzi di Suzanne Collins ha incassato 10.4 milioni di dollari, portandosi a un totale di 146.7 milioni di dollari in una settimana. 191 i milioni raccolti fuori dagli USA, per un totale worldwide, ad oggi, di 338 milioni (la soglia dei 400 verrà superata nel weekend).

Seconda posizione per Il Viaggio di Arlo, che raccoglie 6.5 milioni di dollari salendo a 16.4 milioni in due giorni. Al terzo posto troviamo Creed, con praticamente la stessa cifra: 6.4 milioni di dollari e un totale di 12.4 milioni in due giorni. La differenza, in questo caso, è che Creed non è in 3D.

Il terzo nuovo film del weekend, Victor Frankenstein, ha raccolto solo 470mila dollari giovedì, per un totale di soli 1.1 milioni di dollari in due giorni. In cinque giorni dovrebbe incassarne 4-5 (ne è costati 40).

In generale, l’andamento dei blockbuster del Ringraziamento è in linea con le attese: si pensa che la classifica rimarrà invariata anche nel weekend lungo, con Hunger Games che raccoglierà circa 75 milioni nei cinque giorni, Il Viaggio di Arlo 55/60 e Creed 40.

Ricordiamo che nel 2013 Frozen totalizzò il record del miglior incasso di sempre nel weekend del Ringraziamento, con 93.6 milioni in cinque giorni.

 

Fonte: Variety