Si è svolta stanotte la 73esima edizione dei Golden Globe Awards, condotti per la quarta volta da Ricky Gervais.

A trionfare nella sezione cinematografica la 20th Century Fox con sei premi: Revenant – Redivivo ha vinto il premio per il miglior film drammatico, per il miglior regista (Inarritu) e il miglior attore in un film drammatico (Leonardo DiCaprio), mentre Sopravvissuto – The Martian ha vinto quello come miglior commedia (!) e come miglior attore in una commedia (Matt Damon); Joy infine ha vinto il premio come migliore attrice in una commedia (Jennifer Lawrence). Soddisfazioni anche per Steve Jobs, che ha ottenuto il premio per la migliore attrice non protagonista (Kate Winslet) e quello per la migliore sceneggiatura (Aaron Sorkin). Delusione invece per The Weinstein Company, solitamente protagonista dei Globes, che quest’anno ha ottenuto un solo premio: quello per la miglior colonna sonora per The Hateful Eight (all’italiano Ennio Morricone, ritirato da Quentin Tarantino). Nessun premio, poi, per Spotlight e La Grande Scommessa, tra i favoriti di quest’anno. Tra i vari riconoscimenti, da notare anche quello a Sylvester Stallone come miglior attore non protagonista per Creed, quello a Inside Out come miglior film d’animazione e quello a Son of Saul come miglior film straniero.

Come sempre, ricordiamo che i Golden Globes non hanno alcun valore nella corsa all’Oscar. Quest’ultimo è un premio dell’industria che viene assegnato da migliaia di membri dell’Academy, mentre i Globes riflettono i gusti dell’Hollywood Foreign Press Association, un’organizzazione indipendente composta da meno di un centinaio di membri della stampa estera che presta molta attenzione agli ascolti della cerimonia trasmessa dalla NBC. Non a caso, i Globes vengono assegnati quando la procedura delle nomination agli Oscar è già chiusa (verranno poi annunciate il 14). Vi è poi una divisione in categorie che rende praticamente ininfluente ogni premio assegnato (anche se si tende ad associare le categorie drammatiche a quelle degli Oscar), tra l’altro creando situazioni talvolta paradossali, come la vittoria di The Martian come miglior commedia e quella di Matt Damon come miglior attore in una commedia.

Ma come lo stesso Gervais ha sottolineato durante la serata, “Alla fine, non è importante”. Ecco perché è difficile trarre conclusioni su cosa succederà il mese prossimo al Dolby Theatre, in una delle awards season meno chiare e prevedibili degli ultimi anni. Per fare un esempio, nonostante Inarritu abbia vinto tre premi, non è assolutamente certo che poi Revenant – Redivivo trionfi agli Oscar: un anno fa Birdman perse a favore di Grand Budapest Hotel, per poi trionfare agli Oscar. Negli ultimi undici anni solo tre vincitori del Golden Globe come miglior film drammatico hanno ottenuto l’Oscar (12 Anni Schiavo, Argo e The Millionaire) e solo una commedia (The Artist). L’unico riconoscimento per il quale quasi sicuramente l’Academy seguirà i Globes è il premio come miglior attore non protagonista a Sylvester Stallone in Creed.

Ecco tutti i premi per la sezione cinematografica, in questa pagina trovate tutti i vincitori della sezione televisiva.

 

MIGLIOR FILM DRAMMATICO
CAROL (Number 9 Films; The Weinstein Company)
MAD MAX: FURY ROAD (Warner Bros. Pictures / Village Roadshow Pictures / Kennedy Miller Mitchell; Warner Bros. Pictures)
THE REVENANT (Regency Enterprises; Twentieth Century Fox) **WINNER**
ROOM (Element Pictures / No Trace Camping; A24)
SPOTLIGHT (Anonymous Content / Participant Media / First Look; Open Road Films)

MIGLIORE ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO
CATE BLANCHETT – CAROL
BRIE LARSON – ROOM **WINNER**
ROONEY MARA – CAROL
SAOIRSE RONAN –  BROOKLYN
ALICIA VIKANDER – THE DANISH GIRL

MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO
BRYAN CRANSTON – TRUMBO
LEONARDO DICAPRIO – THE REVENANT **WINNER**
MICHAEL FASSBENDER – STEVE JOBS
EDDIE REDMAYNE – THE DANISH GIRL
WILL SMITH – CONCUSSION

MIGLIOR FILM – MUSICAL O COMMEDIA
THE BIG SHORT (Paramount Pictures / Regency Enterprises; Paramount Pictures)
JOY (Fox 2000 Pictures; Twentieth Century Fox)
THE MARTIAN (Twentieth Century Fox; Twentieth Century Fox) **WINNER**
SPY (Twentieth Century Fox; Twentieth Century Fox)
TRAINWRECK (Universal Pictures / Apatow Productions; Universal Pictures)

MIGLIORE ATTRICE IN UN FILM – MUSICAL O COMMEDIA
JENNIFER LAWRENCE – JOY **WINNER**
MELISSA MCCARTHY – SPY
AMY SCHUMER – TRAINWRECK
MAGGIE SMITH – THE LADY IN THE VAN
LILY TOMLIN – GRANDMA

MIGLIOR ATTORE IN UN FILM – MUSICAL O COMMEDIA
CHRISTIAN BALE – THE BIG SHORT
STEVE CARELL – THE BIG SHORT
MATT DAMON – THE MARTIAN **WINNER**
AL PACINO – DANNY COLLINS
MARK RUFFALO – INFINITELY POLAR BEAR

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
ANOMALISA (Starburns Industries; Paramount Pictures)
THE GOOD DINOSAUR (Pixar Animation Studios; Walt Disney Studios Motion Pictures)
INSIDE OUT (Pixar Animation Studios; Walt Disney Studios Motion Pictures) **WINNER**
THE PEANUTS MOVIE (Blue Sky Studios; Twentieth Century Fox)
SHAUN THE SHEEP MOVIE (Aardman; Lionsgate / Studiocanal)

MIGLIOR FILM STRANIERO
THE BRAND NEW TESTAMENT (BELGIUM / FRANCE / LUXEMBOURG) (Terra Incognita / Climax Films / Après le Déluge / Juliette Films / Caviar; Belga Films / Le Pacte)
THE CLUB (CHILE) (Fabula; Music Box Films)
THE FENCER (FINLAND / GERMANY / ESTONIA) (Making Movies / Kick Film GmbH / Allfilm; Oy Nordisk Film Ab)
MUSTANG (FRANCE) (CG Cinéma / Vistamar Flimproduktion; Cohen Media Group)
SON OF SAUL (HUNGARY) (Laokoon Filmgroup; Sony Pictures Classics) **WINNER**

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
JANE FONDA – YOUTH
JENNIFER JASON LEIGH – THE HATEFUL EIGHT
HELEN MIRREN –  TRUMBO
ALICIA VIKANDER – EX MACHINA
KATE WINSLET – STEVE JOBS **WINNER**

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
PAUL DANO – LOVE & MERCY
IDRIS ELBA – BEASTS OF NO NATION
MARK RYLANCE – BRIDGE OF SPIES
MICHAEL SHANNON – 99 HOMES
SYLVESTER STALLONE – CREED **WINNER**

MIGLIOR REGISTA
TODD HAYNES – CAROL
ALEJANDRO G. IÑÁRRITU – THE REVENANT **WINNER**
TOM MCCARTHY – SPOTLIGHT
GEORGE MILLER – MAD MAX: FURY ROAD
RIDLEY SCOTT – THE MARTIAN

MIGLIOR SCENEGGIATURA
EMMA DONOGHUE – ROOM
TOM MCCARTHY, JOSH SINGER – SPOTLIGHT
CHARLES RANDOLPH, ADAM MCKAY – THE BIG SHORT
AARON SORKIN – STEVE JOBS **WINNER**
QUENTIN TARANTINO – THE HATEFUL EIGHT

MIGLIOR COLONNA SONORA
CARTER BURWELL – CAROL
ALEXANDRE DESPLAT – THE DANISH GIRL
ENNIO MORRICONE – THE HATEFUL EIGHT **WINNER**
DANIEL PEMBERTON – STEVE JOBS
RYUICHI SAKAMOTO, ALVA NOTO – THE REVENANT

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
“LOVE ME LIKE YOU DO” — FIFTY SHADES OF GREY
Music by: Max Martin, Savan Kotecha, Ali Payami, Ilya Salmanzadeh
Lyrics by: Max Martin, Savan Kotecha, Ali Payami, Ilya Salmanzadeh
“ONE KIND OF LOVE” — LOVE & MERCY
Music by: Brian Wilson, Scott Bennett
Lyrics by: Brian Wilson, Scott Bennett
“SEE YOU AGAIN” — FURIOUS 7
Music by: Justin Franks, Andrew Cedar, Charlie Puth, Cameron Thomaz
Lyrics by: Justin Franks, Andrew Cedar, Charlie Puth, Cameron Thomaz
“SIMPLE SONG #3” — YOUTH
Music by: David Lang
Lyrics by: David Lang
“WRITING’S ON THE WALL” — SPECTRE **WINNER**
Music by: Sam Smith, Jimmy Napes
Lyrics by:Sam Smith, Jimmy Napes