Deadpool, l’eroe più anticonvenzionale della Marvel Comics, è da oggi disponibile negli store digitali e in Blu-ray e DVD. Per l’occasione la 20th Century Fox ci ha invitato a scambiare quattro chiacchiere con Ed Skrein, che nel cinecomic di Tim Miller interpreta Ajax (o Francis, se preferite).

Con l’attore, celebre per aver prestato il volto a Daario Naharis nella seconda stagione del Trono di Spade e poi per aver vestito i panni del protagonista di The Transporter Legacy, abbiamo parlato della grande esperienza sul set di Deadpool e del sequel.

***

Nel gag reel incluso tra i contenuti speciali del film mandi a quel paese il regista Tim Miller con un sonoro “Fuck You”. Succedeva spesso sul set?

[ride] Io e Tim abbiamo avuto un rapporto molto stretto sin dall’inizio. Abbiamo legato subito e, come spesso capita tra amici intimi, il rapporto è disceso nella profanità. Avevamo entrambi un grande senso dell’umorismo. Sul set ci prendevamo in giro e approfittavamo di ogni occasione per insultarci a vicenda. In fin dei conti, però, tra noi c’era e c’è ancora profondo rispetto e fiducia. Sono felice di aver potuto lavorare con una persona che ha tirato fuori il meglio da me. Mi sono ritrovato a collaborare con un grande regista e un grande amico.

Immagino tu abbia lavorato duramente per tutte le scene di combattimento. Hai una sequenza preferita in assoluto? edskrein

La mia scena preferita del film – che è anche una delle preferite di Tim Miller – è quella ambientata nel laboratorio. Nei contenuti speciali del DVD c’è la scena estesa, che mostra alcuni momenti ancora più violenti e intensi. Mi sono allenato duramente per settimane e settimane, prima a Londra e poi a Vancouver. È stata durissima, ma a giudicare dal responso dei fan direi che ne sia valsa la pena.

Ho rivisto la sequenze di papere inclusa nel DVD e ho provato tanta nostalgia. Vedere quanto ci siamo divertiti, rivivere quelle emozioni, per me è stato un colpo al cuore.

Credi che Deadpool abbia lanciato un segnale a Hollywood in merito ai film vietati ai minori? 

Beh, se vuoi fare un film su Deadpool, bisogna farlo per bene. E se vuoi farlo per bene, è necessario che sia vietato ai minori, di questo ringrazio la Fox che ha creduto nel progetto. Questo però non significa che tutti i cinecomic d’ora in avanti debbano essere necessariamente vietati ai minori. Ci sono personaggi che non hanno bisogno del rating R come ci sono personaggi che non hanno bisogno di essere per forza comici. Alcuni sono dotati di così tanti colori che è sempre un peccato quando vengono fatti con lo stampino per aderire allo stesso stile, alla logica del PG-13. A volte tutto quello di cui c’è bisogno è tra le pagine di un fumetto, è già lì.

Quello dei cinecomic è un genere sempre più popolare e su cui si punta sempre più. Come l’hai vissuto dalla tua prospettiva?

In tutta onestà posso dirti che per me non è stato un lavoro, sul set ce la siamo letteralmente spassata. E non soltanto durante le riprese, ma anche dopo. Uscivo sempre a bere qualcosa con qualcuno. Non mi sono mai sentito così un set, quindi è stata una grossa novità per me. A novembre [2015] abbiamo partecipato a delle riprese aggiuntive ed è stato un po’ come una rimpatriata: tornare tutti insieme nello stesso posto alcuni mesi dopo la fine delle riprese è stato splendido. Ma anche la promozione e le attività stampa sono state uno spasso: solitamente, quando parlo con altri attori, è opinione comune che i tour siano una noia. Nel caso di Deadpool eravamo tutti eccitati. Abbiamo amato tutti questo film e l’abbiamo promosso in giro per il mondo a testa alta.

So che sei cresciuto leggendo fumetti, quindi devo chiederti: c’è un personaggio che ti piacerebbe vedere in uno dei sequel?

Oh, ce ne sono così tanti, proprio tanti. Quello che personalmente mi piacerebbe vedere è un crossover con personaggi di altri film. So che qui entrano in gioco altre problematiche, di tipo legale, ma insomma, sarebbe bellissimo vedere Deadpool e Wolverine insieme in un film o addirittura Spider-Man. Nei fumetti succede, quindi sarebbe splendido vederlo al cinema. Il bianco e nero dei contratti è una seccatura, ma oggi come oggi questo è lo stato delle cose.

C’è da dire, però, che ci sono tanti altri bellissimi personaggi e interessanti come Domino ad esempio. Non so se sarà effettivamente così, ma pare che Cable comparirà nel sequel… sarà strepitoso. Personalmente se dovessi scegliere, punterei su Taskmaster. È un cattivo che ho sempre amato. Però come vedi, ecco, le possibilità sono infinite.

Deadpool-Ajax

E restando sul tema delle possibilità infinite, c’è ancora per speranza per Ajax? È bastato un solo colpo alla testa per metterlo fuori gioco?

[ride] Certo che c’è una possibilità! Non è una cosa mi compete, quindi forse dovresti chiederlo agli sceneggiatori piuttosto che a me. Ma come si suol dire, mai dire mai. Capisco però l’esigenza della produzione di introdurre dei nuovi cattivi in ogni film. La storia dei fumetti ci ha regalo tanti grandi personaggi dalle mille sfumature, perciò immagino che ne esploreranno un bel po’. Magari arrivati a Deadpool 7 o 8, Ajax tornerà.

E adesso?

Con i miei agenti sto decidendo quale direzione prendere. Dopo Deadpool ho ricevuto molte proposte e ho cercato di non farmi prendere dall’entusiasmo accettando ogni tipo di offerta. Ho provato a tenere i piedi ben piantati a terra e a fare le giuste scelte. Ho già tre film in programma che credo siano molto interessanti.

Dopo il Trono di Spade pensi di tornare nel mondo della televisione? Qualcuno con cui ti piacerebbe collaborare?

No, per il momento no perché mi sto concentrando sul cinema, ma resto aperto a ogni possibilità. Adorerei lavorare con Mads Mikkelsen e Ben Mendelsohn.

Ultima domanda: c’è un momento di tutta l’esperienza Deadpool che ricorderai per sempre?

Il Comic-Con. È stata in assoluto una delle migliori esperienze della mia vita. Sono cresciuto andando alle fiere del fumetto, perciò è stato davvero significativo salire su quel palco l’anno scorso. Quest’anno non ci sarò perché dovrò prepararmi al prossimo film, ma non vedo l’ora di tornarci il prima possibile. Certe esperienze lasciano il segno e questo è stato merito di Deadpool.

 vlcsnap-2016-06-10-10h18m18s748

 

Tratto dal fumetto sul più irriverente anti-eroe dell’universo Marvel, DEADPOOL racconta la storia del mercenario Wade Wilson, ex agente operativo delle Special Forces, che, dopo essere stato sottoposto a un terribile esperimento, acquisisce l’eccezionale potere del Fattore Rigenerante e abbraccia una nuova identità.

Con la sua nuova abilità di guarire rapidamente e un pungente senso dell’umorismo, Deadpool andrà a caccia dell’uomo che gli ha quasi rovinato la vita.

Cosa ne pensate? Potete dircelo nei commenti o in questo post del forum supereroi.

Scritto da Paul Wernick e Rhett Reese, diretto da Tim Miller, Deadpool è uscito nei cinema statunitensi il 12 febbraio 2016, tre mesi prima di X-Men: Apocalypse.

Nel cast Ryan Reynolds, Morena Baccarin, T.J. Miller, Ed Skrein, Gina Carano.