Ha provocato molte polemiche la decisione dell’Alamo Drafthouse di Austin di organizzare, qualche giorno fa, due proiezioni di Wonder Woman riservate a sole donne. Si è trattato di una forma di promozione per celebrare “il primo film con protagonista una supereroina diretto da una donna” e in effetti le due proiezioni hanno registrato il tutto esaurito in pochissime ore.

Eppure sulla pagina Facebook del cinema sono apparsi commenti molto aggressivi di uomini che accusavano gli organizzatori di discriminazione e di sessismo sotto il post dell’annuncio:

Scusateci, uomini. Ma dobbiamo abbracciare il potere delle donne e dire ‘I maschi non possono entrare’ per una notte speciale all’Alamo Riz. E quando ci riferiamo a “persone che si identificano come donne”, diciamo sul serio. Tutti coloro che lavorano alla proiezione – lo staff, i proiezionisti e i commessi – saranno donne. Perciò afferrate con un lazo le vostre amiche e acquistate i biglietti per questa celebrazione di uno dei personaggi più duraturi e ispiratori mai creati.

Stephen Clark – un insegnante di diritto all’Albany Law School — non ha particolarmente apprezzato i messaggi “discriminatori” dell’Alamo ha così deciso di sporgere denuncia alla città di Austin.

È una questione di principio” ha dichiarato al Washington Post. “Sono un uomo gay, studio e insegno diritti gay da anni. E ho imparato che non bisogna escludere le persone in base al sesso – non c’è scusa che tenga“.

Un altro dei motivi per cui Clark ha trovato il comportamento dell’Alamo inaccettabile è il fatto che per molti suoi amici gay “Wonder Woman” è stato un idolo quando erano piccoli:

Capisco il motivo di creare un evento per sole donne, ma il principio di uguaglianza è importantissimo. Ci sono uomini in città che vorrebbero celebrare il potere delle donne, e altre donne che vorrebbero andare al cinema con il migliore amico gay. Ma così non possono”.

La catena aveva inizialmente intenzione di espandere l’iniziativa a tutti i cinema della nazione, ma dopo le polemiche ha preferito fare marcia indietro rilasciando la seguente dichiarazione:

Ovviamente Alamo Drafthouse sa perfettamente che Wonder Woman è un film per tutto il pubblico, ma le nostre proiezioni speciali per sole donne hanno provocato molta confusione. Vogliamo che tutti vadano a vedere il film.

E voi che ne pensate? Potete dircelo qui!

Ecco la sinossi:

Prima di essere Wonder Woman, Diana era la principessa delle Amazzoni, addestrata per diventare una guerriera invincibile e cresciuta su un’isola paradisiaca protetta. Quando un pilota americano si schianta sulla costa e avverte di un enorme conflitto che infuria nel mondo esterno, Diana decide di abbandonare la sua casa convinta di poter fermare la catastrofe. Combattendo assieme all’uomo in una guerra per porre fine a tutte le guerre, Diana scoprirà i suoi poteri e… il suo vero destino.

Gal Gadot è protagonista del film su Wonder Woman uscito il 2 giugno 2017 (l’1 in Italia), diretto da Patty Jenkins. Nel cast anche Chris Pine, Robin Wright, Danny Huston, David Thewlis, Connie Nielsen, Ewen Bremner, Saïd Taghmaoui, Elena Anaya e Lucy Davis. Lo script è firmato da Allan Heinberg e da Geoff Johns, su una storia di Zack Snyder e Allan Heinberg.

Il film è prodotto da Charles Roven, Zack Snyder, Deborah Snyder e Richard Suckle, mentre la produzione esecutiva è stata affidata a Rebecca Roven, Stephen Jones, Wesley Coller e Geoff Johns.