Deadline riporta in esclusiva che Leonardo DiCaprio ha accettato di comparire nel nono film di Quentin Tarantino dopo un “corteggiamento” di diversi mesi: l’attore è ora entrato nella fase di trattative. Sarà il primo film dell’attore dopo l’Oscar per Revenant – Redivivo, il film di Alejandro González Iñárritu.

La storia è ancora avvolta nel mistero, ma il film dovrebbe essere ambientato nella Los Angeles del 1969: a fare da sfondo, gli omicidi perpetrati da Charles Manson e dai suoi seguaci. Il regista ha spiegato che il film non sarà un biopic, ma una storia con diversi protagonisti ambientata durante la turbolenta fine degli anni ’60. DiCaprio non interpreterà Manson, ma un “attore di età avanzata“.

La famiglia Manson avrà comunque un ruolo nella storia, visto che il filmmaker ha già offerto la parte di Sharon Tate a Margot Robbie (che tra l’altro aveva già recitato con DiCaprio in The Wolf of Wall Street), mentre starebbe considerando per un altro ruolo Tom Cruise. Variety aggiunge che stando alle sue fonti Tarantino avrebbe scritto un ruolo appositamente per Al Pacino, ma non è chiaro a che punto siano le negoziazioni.

La Sony/Columbia Pictures, che l’anno scorso ha acquisito i diritti di produzione e distribuzione globali del film (trattativa dalla quale è stata esclusa The Weinstein Company, da sempre partner di Tarantino fino allo scandalo che ha coinvolto Harvey Weinstein), ha fissato l’uscita americana al 9 agosto 2019, nel cinquantesimo anniversario di Sharon Tate, uccisa dai membri della “famiglia” di Charles Manson il 9 agosto 1969.

Con un budget di un centinaio di milioni di dollari, il film sarà girato in California approfittando di un tax credit sulla produzione di ben 18 milioni di dollari. Secondo l’accordo Tarantino avrà il final cut e una porzione degli incassi vivi.

Come produttori figureranno David Heyman (Harry Potter e Animali Fantastici), Tarantino e Shannon McIntosh, mentre Georgia Kacandes sarà produttrice esecutiva.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!