È in un’intervista a EW che Ron Howard parla per la prima volta di quanto successo dietro le quinte di Solo: a Star Wars Story quando Phil Lord e Chris Miller sono stati licenziati, e del motivo per cui ha accettato di dirigere un film quando le riprese erano ormai vicine alla fine.

Conoso Chris e Phil. Sono ragazzi di grandissimo talento, e tutti noi alla Imagine Entertainment cerchiamo da sempre di trovare il modo di lavorare con loro, oggi ancora di più.

Quando ho saputo del macello che stava succedendo, stavo lavorando a tantissimi progetti per la Imagine e non avevo previsto di dirigere un film. Quindi mi è stata proposta la cosa, ne ho parlato con Kathleen Kennedy e con l’ora tragicamente scomparsa Alli Shearmur, una vecchia amica. Ero riluttante, ma ho iniziato a pensare che avrei potuto dare una mano.

È triste che una casa di produzione decida di dover fare un cambiamento come questo. È una decisione pesante e deludente per tutti, quello che ho cercato di fare è stato arrivare e… Ovviamente ci sono le impronte di Chris e Phil lungo tutto il film, visto quanto lavoro hanno fatto e quanto tempo ci hanno investito. Spero che i fan non pensino nemmeno a come è stato fatto questo film. Dovrebbero semplicemente immergersi in esso.

Il licenziamento di Lord & Miller è avvenuto a sole tre settimane dalla fine delle riprese principali, ma Howard ha rigirato parecchio materiale. Ecco quindi che si sta speculando molto sulla porzione di film rigirata da lui, un tema che il regista non intende assolutamente affrontare:

Come dice Han, “Non ditemi le percentuali”. Non ditemi mai le percentuali! Non voglio veramente parlarne. Non voglio entrare nel dettaglio di questo aspetto perché, di nuovo, non voglio che interessi ai fan. Posso immaginare il motivo per cui mi viene chiesto, e alcuni potrebbero anche avere questa curiosità, ma sappiate che chiunque sia stato coinvolto in questo film non ha fatto altro che amare questo film, è sempre stata l’atmosfera. Penso che il pubblico noterà questo amore e questo entusiasmo.

Va detto che la presenza costante dello stesso direttore della fotografia Bradford Young ha contribuito a dare continuità.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Ecco la sinossi ufficiale:

Salite a bordo del Millennium Falcon e mettetevi in viaggio verso una galassia lontana lontana in Solo: A Star Wars Story, una nuova avventura con la più celebre delle canaglie spaziali. In mezzo a rocambolesche fughe nei meandri di un oscuro e pericoloso mondo criminale, Han Solo incontra il suo fedele co-pilota Chewbacca e il giocatore d’azzardo Lando Calrissian, in un viaggio che segnerà il destino di alcuni degli eroi più improbabili della saga di Star Wars.

La pellicola sarà incentrata su un giovane Han e sarà ambientata molto prima degli eventi di Una Nuova Speranza.

Solo: A Star Wars story vanta nel cast Alden Ehrenreich nei panni dell’erede di Harrison Ford, Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover nelle vesti di Lando Calrissian, Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge e Joonas Suotamo nel ruolo di Chewbacca.

Il film uscirà il 25 maggio 2018.