Nelle ultime settimane sono cambiate parecchie cose ai vertici della DC Entertainment, divisione della Warner Bros. che si occupa di gestire le proprietà intellettuali della DC Comics.

Dopo l’insuccesso di Justice League, Walter Hamada (produttore dell’universo di The Conjuring e di It) è stato nominato presidente della DC Films. Nel corso dei mesi, Hamada ha iniziato a prendere in mano la situazione acquisendo sempre più potere, mentre Jon Berg è stato riposizionato come produttore, Diane Nelson si è ritirata definitivamente dalla presidenza della DC Entertainment e Geoff Johns ha lasciato il suo ruolo di direttore creativo per dedicarsi alla produzione e alla scrittura dei film dell’azienda. “Si è ritrovato in un macello, e ora sta cercando di ripulire tutto,” afferma un insider in un lungo speciale dell’Hollywood Reporter dedicato alla nuova strategia per la DC su cui sta lavorando la Warner.

Secondo il sito, l’attuale piano prevede DUE universi cinematografici DC paralleli.

Uno includerà i seguenti film:

  • Aquaman, con Jason Momoa
  • Wonder Woman 1984, con Gal Gadot
  • Shazam!, con Zachary Levi
  • Il film su Joker da poco annunciato, con Jared Leto
  • Un film su Flash divertente che ricordi Ritorno al Futuro nello stile, diretto da John Francis Daly e Jonathan Goldstein con protagonista Ezra Miller
  • Green Lantern Corps., scritto da Geoff Johns
  • Birds of Prey, lo spin-off su Harley Quinn diretto da Cathy Yan con protagonista Margot Robbie
  • Suicide Squad 2, appena assegnato a due sceneggiatori

L’altro, che potrebbe rientrare in un’etichetta nota come “DC Dark” o “DC Black”, includerà pellicole standalone dal taglio dark e dai budget ridotti, a partire da:

  • Un film sul giovane Joker con Joaquin Phoenix, diretto da Todd Phillips e prodotto da Martin Scorsese (anche se si parla meno del coinvolgimento di quest’ultimo), con un budget ridotto di circa 55 milioni di dollari e le riprese previste in autunno

C’è poi il film su Batman diretto da Matt Reeves con un giovane Crociato di Gotham molto probabilmente non più interpretato da Ben Affleck.. Reeves ha consegnato il primo atto di una sceneggiatura completamente nuova solo qualche giorno fa, secondo l’Hollywood Reporter la pellicola non rienterà nell’Universo Cinematografico DC “tradizionale” ma non è chiaro se farà parte dell’etichetta dark.

Un importante obiettivo che hanno deciso di porsi Hamada e il suo diretto superiore, Toby Emmerich della Warner, è quello di non fissare troppo in anticipo le date d’uscita di questi film, in modo da avere la possibilità di lavorare agli script senza fretta come invece avvenuto in passato. Questo approccio ha fatto già una prima vittima: Batgirl, attualmente nelle mani della sceneggiatrice Christina Hodson dopo l’addio di Joss Whedon. Hamada è anche contrario alle writers room, utilizzate invece dalla Paramount/Hasbro e dalla Universal.

Ricordiamo che sono in varie fasi di sviluppo anche film come The New Gods (da poco annunciato e diretto da Ava DuVernay), Nightwing, L’Uomo d’Acciaio 2 e Cyborg (ma l’impressione è che questi due progetti siano stati archiviati), Black Adam, Gotham City Sirens e Justice League Dark (ma non si sente parlare dei due film dall’anno scorso), Blackhawk (annunciato pochi mesi fa e diretto da Steven Spielberg).

“Walter ha un piano tutto suo,” afferma la fonte dell’Hollywood Reporter, “ha un progetto preciso per questo universo”. Che questo piano venga esplicitato il mese prossimo al Comic-Con di San Diego? Vi terremo aggiornati sugli sviluppi…