A poche settimane dall’uscita di Spider-Man: Un Nuovo Universo, la Sony Pictures Animation dimostra di avere grande fiducia sul successo della pellicola e inizia già a espandere quella che si prepara a essere una vera e propria saga animata.

The Hollywood Reporter rivela infatti che Joaquim Dom Santos (Avatar: The Last Airbender) è stato incaricato dallo studio di dirigere il sequel del film, mentre Lauren Montgomery (co-regista di Batman: Anno Uno e Superman/Batman: Apocalypse) è in trattative per dirigere uno spin-off incentrato sulle eroine che verranno introdotte in Spider-Man: un Nuovo Universo. A scrivere quest’ultimo progetto Bek Smith (sceneggiatrice della serie Zoo): la pellicola sarà incentrata su tre generazioni di donne con i poteri di ragno (potrebbe trattarsi di Spider-Woman, Spider-Gwen, Spider-Girl, Madame Web, Silk). Amy Pascal produrrà i film, e ovviamente verranno coinvolti anche Phil Lord e Chris Miller. Sembra invece che i registi Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman non torneranno.

Questa la sinossi ufficiale:

Spider-Man: Un Nuovo Universo racconta le vicende del teenager di Brooklyn Miles Morales e delle infinite possibilità del Ragno-Verso, dove più di una persona può indossare la maschera. Una visione fresca di un nuovo Universo Spider-Man con uno stile visivo innovativo e unico nel suo genere.

Il film è incentrato sull’Uomo Ragno di Miles Morales, che nei fumetti ottiene i poteri quando un ragno geneticamente modificato proveniente dai laboratori delle Osborn Industries finisce nello zaino di suo zio Aaron Davis, un criminale incallito. Inizialmente Morales non vuole essere un supereroe, ma si sente costretto a farlo quando lo Spider-Man originale muore cercando di salvare la sua famiglia.

A doppiare morales nella versione originale vi sarà Shameik Moore, mentre Mahershala Ali sarà Aaron Davis e Brian Tyree Henry sarà Jeffierson Davis. Nel cast anche Liev Schreiber, che doppierà il villain ancora avvolto nel mistero.

Spider-Man: Into the Spider-Verse uscirà il 14 dicembre 2018 negli USA, a Natale in Italia.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!