La settimana prossima Il Ritorno di Mary Poppins uscirà nei cinema di tutto il mondo, e così la Disney oggi ha sollevato l’embargo sulle recensioni internazionali (in Italia dovremo attendere qualche giorno ancora).

Attualmente l’aggregatore RottenTomatoes raccoglie una cinquantina di recensioni, il 77% delle quali con un giudizio positivo e un voto medio di 7.5. Ovviamente bisognerà attendere che si salga sopra il centinaio per fare una media definitiva, ma l’impressione è che l’accoglienza della stampa internazionale sia piuttosto positiva.

Vi riportiamo qui sotto la traduzione di alcuni lanci delle recensioni principali:

  • EW – Rob Marshall chiaramente capisce l’eredità con cui ha a che fare, e riempie quasi ogni angolo dello schermo con canzoni, balli e tutto il resto […] La storia però sembra slegata, un parasole nel vento. […] Ma Marshall ha dalla sua il fascino puramente espiralidoso di Emily Blunt.
  • NY Post – Questo sequel ha una colonna sonora completamente inedita, che non include alcuna delle canzoni classiche del film originale. Se accetterete questo, potrete superare la cosa e godervi le infinite altre gioie che questo seguito ha da offrire.
  • CNN – Perfettamente passabile, ma ben al di sotto del praticamente perfetto.
  • Variety – Emily Blunt è praticamente perfetta in ogni cosa in un sequel di Mary Poppins che riesce a ricreare incredibilmente l’effetto travolgente da studio-system dell’originale.
  • The Wrap – Probabilmente non c’è alcuna ragione perché Il Ritorno di Mary Poppins debba esistere, ma è qui e almeno trova alcuni momenti di delizia anche se segue sentieri già battuti.
  • USA Today – Sebbene narrativamente non sia paragonabile al classico Disney, il nuovo Mary Poppins aggiunge alcuni canzoni e la macchina di carisma pluritalentuosa di nome Lin-Manuel Miranda al mix, per un trionfo di piacevole nostalgia.
  • Indiewire – Mary Poppins potrà anche preparare i piccoli Banks al futuro, ma la sua nuova, sbrigativa avventura ci lascia solo il desiderio di tornare ai bei tempi che furono.
  • Collider – Il Ritorno di Mary Poppins è la cosa più vicina a un remake di Mary Poppins prima di chiamarsi semplicemente remake.
  • THR – Il suo sentimentalismo vecchio stile e onesto farà crescere un sorriso sul vostro volto e uscire una lacrima nel vostro occhio, spesso contemporaneamente.
  • DailyTelegraph – Se non lo dico io, lo dirà qualche altro critico: Il Ritorno di Mary Poppins è praticamente perfetto in ogni cosa.
  • TheGuardian – Lo ammiro per la sua maestria artigianale e la tecnica, come una macchina per creare nostalgia.
  • Empire – Contro tutte le aspettative, questo film è un valido seguito dell’originale. La Blunt è perfetta come sempre, in un film che fa di tutto per farvi uscire dalla sala col sorriso.

Il film, ricordiamo, arriverà nelle nostre sale il 20 dicembre.

La sceneggiatura è opera di David Magee, mentre il candidato al premio Oscar Marc Shaiman si occuperà della colonna sonora; il vincitore del Tony Award Scott Wittman, invece, scriverà nuove canzoni originali. Nel cast, oltre a Emily Blunt, anche Meryl Streep, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Colin Firth, Julie Walters e Angela Lansbury.

Il film diretto da Rob Marshall (ChicagoInto the Woods) sarà ambientato nella Londra della Grande Depressione, 20 anni dopo il primo film, e sarà basato sulle nuove avventure di Mary Poppins e della famiglia Banks scritte da P.L. Travers.

La storia segue Jane e Michael Banks oramai diventati adulti che, dopo una grave perdita, accolgono in casa Mary Poppins. Attraverso le sue doti magiche, e con l’aiuto del suo amico Jack, Mary aiuterà la famiglia a riscoprire la gioia e il senso di meraviglia che sembrano svaniti dalle loro vite.

La pellicola del 1964, con Julie Andrews e Dick Van Dyke, era ambientata poco prima della Prima Guerra Mondiale e divenne un vero e proprio cult, vincendo cinque premi Oscar. La release di Mary Poppins Returns è fissata per il 20 dicembre del 2018 in Italia.

Consigliati dalla redazione