Una delle delusioni più cocenti al botteghino nel 2018 è stata sicuramente rappresentata da Solo: A Star Wars Story. La pellicola di Ron Howard è uscita a maggio, dopo la presentazione al Festival di Cannes, e ha raccolto un totale di 392 milioni di dollari in tutto il mondo (di cui 213 negli Stati Uniti). Non è chiaro esattamente quanto sia costata, ma è difficile immaginare una cifra inferiore ai 200/250 milioni di dollari (oltre al marketing e distribuzione) se si pensa ai problemi produttivi avuti dal film durante le riprese (licenziamento di Phil Lord & Chris Miller, ingaggio di Howard, coinvolgimento del cast e della troupe in lunghe e costose riprese aggiuntive). Il film è stato un flop, anche se ovviamente tra home video, merchandising, diritti tv e tutto il resto non sarà mai realmente un flop per la Lucasfilm.

Le ragioni di questo insuccesso sono numerose. In molti si sono chiesti, però, se le cose sarebbero andate diversamente se la pellicola fosse uscita a dicembre, come gli altri “nuovi” film di Star Wars, invece che in estate a pochi mesi dal successo planetario di Star Wars: Gli Ultimi Jedi (1.3 miliardi di dollari).

L’ultimo a chiederselo è stato lo sceneggiatore Jon Kasdan, che alcune ore fa ha pubblicato su Twitter un commento laconico:

Difficile non chiedersi come sarebbe andato al box-office Solo se fosse uscito al cinema stasera.

La domanda ha perfettamente senso: dicembre si è dimostrato un mese molto fortunato per la saga di Star Wars, incluso il primo spin-off Rogue One, tanto che le attuali generazioni vivono dicembre come il mese di Star Wars:

Eric Vespe – Penso che sarebbe andato benissimo. Non hai idea di quanti amici e colleghi sentano la mancanza di un film di Star Wars in queste vacanze di Natale. So che maggio è il mese tradizionale, ma Star Wars a Natale sembra semplicemente la cosa giusta.

Jon Kasdan – Sembra proprio di sì.

Todd Vaziri – Ne ho discusso varie volte nelle ultime due settimane – la cosa fa particolarmente male se penso a quanti giovani mi hanno detto “Dicembre per me significa un nuovo film di Star Wars!”

Jon Kasdan – *scuote la testa in modo malinconico*

Kasdan, insomma, è sicuro che la pellicola sarebbe andata molto meglio al box-office, e forse sarebbe stata anche diversa:

Tahtien Jatkosota – Sarebbe andato meglio. E aggiungo: difficile non chiedersi se Solo sarebbe stato diverso se fosse uscito adesso (avreste avuto sei mesi di lavorazione in più a disposizione).

Jon Kasdan – Posso rispondere a questa domanda: ASSOLUTAMENTE. Non intendo dire che sarebbe stato necessariamente un film migliore, ma sì. Avere il tempo di allontanarsi da qualcosa anche solo per qualche settimana, e poi rivederlo, è senza dubbio d’aiuto. Cambia il modo in cui tu vedi quella cosa.

Lo sceneggiatore comunque specifica che il mese prescelto è sempre stato solo maggio:

Jingle Brhel – Inizialmente doveva uscire a Natale?

Jon Kasdan – No. È sempre stato maggio. La trilogia originale usciva al cinema all’inizio dell’estate.

Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Ecco la sinossi ufficiale:

Salite a bordo del Millennium Falcon e mettetevi in viaggio verso una galassia lontana lontana in Solo: A Star Wars Story, una nuova avventura con la più celebre delle canaglie spaziali. In mezzo a rocambolesche fughe nei meandri di un oscuro e pericoloso mondo criminale, Han Solo incontra il suo fedele co-pilota Chewbacca e il giocatore d’azzardo Lando Calrissian, in un viaggio che segnerà il destino di alcuni degli eroi più improbabili della saga di Star Wars.

La pellicola è incentrata su un giovane Han ed è ambientata molto prima degli eventi di Una Nuova Speranza.

Solo: A Star Wars Story vanta nel cast Alden Ehrenreich nei panni dell’erede di Harrison Ford, Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover nelle vesti di Lando Calrissian, Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge e Joonas Suotamo nel ruolo di Chewbacca.

Il film è uscito il 25 maggio 2018 negli USA e il 23 maggio in Italia.

Consigliati dalla redazione