Weekend leggermente sottotono rispetto a quanto si prevedeva inizialmente al box-office americano: nessuna nuova uscita ha spiccato superando le aspettative, anzi.

Vince ovviamente Aquaman, che però non riesce a superare i 70 milioni di dollari e si assesta sui 67.4 milioni di dollari: un risultato assolutamente accettabile soprattutto se si calcola l’andamento delle altre pellicole (quindi le previsioni erano eccessive in generale, probabilmente la corsa agli acquisti finali pre-natalizi ha avuto un impatto maggiore del previsto). Complessivamente il cinecomic Warner arriva a 72.1 milioni di dollari (se si calcolano le anteprime di Amazon), e dovrebbe superare i 100 milioni in cinque giorni (quindi includendo il giorno di Natale). Ottima l’accoglienza del pubblico, che ha premiato il cinecomic con un CinemaScore A- e un audience rating di 86% su RottenTomatoes. In tutto il mondo, intanto, il film si avvicina al mezzo miliardo di dollari (482.8 milioni di dollari), anche grazie ai 232.8 milioni raccolti in Cina.

Al secondo posto Il Ritorno di Mary Poppins: il film Disney incassa 22.2 milioni di dollari (31 in cinque giorni), in linea con le aspettative, ottenendo un CinemaScore A- che dovrebbe garantire un’ottima tenuta nei giorni festivi. Il musical è uscito anche in alcuni paesi europei, tra cui la Gran Bretagna dove ha raccolto ben 9.4 milioni di dollari, per un totale globale di 51 milioni di dollari.

Apre al terzo posto Bumblebee, con 21 milioni di dollari (anche questi in linea con le aspettative) e un CinemaScore di A-. Sarà interessante seguire l’andamento della pellicola nei prossimi giorni, all’estero intanto ha incassato altri 31.1 milioni di dollari, per un totale globale di 52.1 milioni di dollari.

Quarta posizione per Spider-Man: un Nuovo Universo, che frena di oltre il 50% e incassa altri 16.7 milioni di dollari, per un totale di 65 milioni di dollari (che salgono a 129 in tutto il mondo).

Chiude la top-five Il Corriere – The Mule: il film di Clint Eastwood incassa altri 9.9 milioni di dollari, salendo a 35.6 milioni di dollari (ci si aspettava un po’ di più, ma le festività dovrebbero essere lucrative anche per una pellicola di contro-programmazione come questa).

Al sesto posto Il Grinch incassa altri 8.1 milioni di dollari, per un totale di 253.2 milioni di dollari, mentre al settimo posto apre Second Act, con 6.5 milioni di dollari in tre giorni. Ottava posizione per Ralph Spacca Internet, con 4.6 milioni di dollari e 162 milioni complessivi, mentre apre solo al nono posto Benvenuti a Marwen, con 2.3 milioni di dollari (ne è costati 40).

Al decimo posto sale invece Mary Queen of Scots, con 2.2 milioni di dollari in poco meno di 800 cinema. Subito fuori dalla top-ten La Favorita raccoglie due milioni di dollari, salendo a 10 milioni complessivi.

 

Consigliati dalla redazione