Sembra che lo sviluppo del film di Flash abbia raggiunto un nuovo bivio.

Secondo quanto scrive The Hollywood Reporter, il protagonista Ezra Miller sta prendendo le distanze dal lavoro dei due nuovi sceneggiatori e registi John Francis Daley e Jonathan Goldstein (Game Night, Spider-Man: Homecoming). Le divergenze creative sarebbero relative all’approccio scelto dai due (e apprezzato dalla Warner Bros.), molto più leggero e scanzonato di quanto preferito dall’attore. Ecco quindi che la Warner Bros. ha deciso di ingaggiare il fumettista Grant Morrison e di metterlo al lavoro insieme allo stesso Ezra Miller su una seconda sceneggiatura.

L’Hollywood Reporter afferma che fino a poco tempo fa Miller ha cercato attivamente dei compromessi insieme a Daley e Goldstein, ma che ora è necessaria una svolta: se la Warner Bros. dovesse apprezzare lo script sviluppato da lui insieme a Morrison (e che verrà consegnato la prossima settimana) potrebbe decidere di tenerlo nella parte, altrimenti a maggio scadrà il suo contratto e potrebbe non essere rinnovato. La cosa, anche se drammatica, non sarebbe una novità: solo recentemente il DCEU ha perso Ben Affleck come Batman e Will Smith come Deadshot (verrà rimpiazzato da Idris Elba).

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!