Dopo l’acquisizione degli asset entertainment della 21st Century Fox, iniziano i licenziamenti da parte della Disney. Nella giornata di ieri sono state consegnate le prime “lettere rosa” nelle aree del marketing Fox (tra cui Pam Levine, presidente del marketing globale) e della comunicazione (come il CCO Tony Sella): si prevede che il takeover farà perdere circa 4.000 posti di lavoro (c’è chi parla di 10.000 nel lungo termine).

Ma consolidamento significa anche chiusura delle divisioni meno affini e utili, e così oggi arriva la notizia che dei tre studi cinematografici acquisiti 20th Century Fox, Fox Searchlight e Fox 2000, sarà proprio quest’ultimo il primo a chiudere i battenti. Secondo Variety e Deadline l’etichetta di film a medio budget guidata da Elizabeth Gabler cesserà di esistere a ottobre, dopo l’uscita di La Donna alla Finestra, il nuovo film di Joe Wright con Amy Adams e Gary Oldman. Altri film come Ford v Ferrari di James Mangold e Ad Astra di James Gray verranno gestite da altri reparti.

La mossa non è stata ancora confermata ufficialmente e per certi versi è una sorpresa, visto che in un primo momento Disney sembrava voler tenere aperta questa divisione, ma evidentemente 11 etichette sono veramente troppe e la major preferirà tenere in vita label con proprietà intellettuali legate a franchise (20th Century Fox) o che le permettano di andare a premi (Fox Searchlight).

Negli anni Fox 2000 ha prodotto pellicole di successo come Diario di una Schiappa, Il Diavolo Veste Prada, Io & Marley, Colpa delle Stelle, Love Simon e film premiati come Il Coraggio della Verità, Vita di Pi, Il Diritto di Contare, Quando l’Amore Brucia l’Anima – Walk the Line.

Consigliati dalla redazione