Sul grande schermo quella di Fast & Furious sarà anche una “famiglia”, ma, come testimoniato dalle nuove frecciate lanciate da Tyrese Gibson ai danni di The Rock, il retroscena non pare certo dei più rosei.

Procediamo con ordine.

Nelle ore scorse, su Instagram, Dwayne Johnson ha festeggiato – dal segmento cinese del press tour di Hobbs & Shaw – gli incassi worldwide ottenuti finora dal film.

La pellicola, al momento, ha incassato circa 193 milioni di dollari a fronte di un budget di 200 (esclusa P&A). Il risultato complessivo non è di certo preoccupante, ma vale la pena notare che, a livello domestico, il film sta avendo delle performance decisamente inferiori ai più recenti film della saga:

 

 

Per Tyrese Gibson si è tratta di un’ottima occasione per tornare ad “accusare” il collega con un post su Instagram, che è stato poi cancellato, ma salvato da “terzi” e riproposto online, in cui sosteneva che 180 milioni di dollari d’incasso “non sono una vittoria”:

Devo dargli atto di una cosa. Ci ha provato. Le persone mi hanno dato dell’hater per aver parlato. Fare a pezzi la famiglia non ha chiaramente lo stesso valore che uno potrebbe pensare e sapete cosa… forse, dico forse, The Rock e la truppa potrebbero tornare a danzare di nuovo insieme a noi per Fast 10. Possiamo ancora riabbracciarci e tornare a dare ai veri fan che hanno supportato il franchise per 20 anni quello che vogliono veramente. Non si tratta di odio, si tratta di fatti. The Rock è sempre una delle più grandi star del mondo e il lavoro non gli manca: io ho a che fare con i film di due franchise, lui con almeno 15 quindi non penso che inonderà il cuscino di lacrime questa notte, ma 180 milioni per l’esordio di Hobbs & Shaw non sono una vittoria.

 

Lo scorso anno, durante la promozione stampa di Skyscraper, The Rock aveva toccato l’argomento durante il Watch What Happens Live With Andy Cohen.

Nel mese di settembre 2017 Tyrese Gibson aveva supplicato pubblicamente Dwayne Johnson di non rimandare l’uscita di Fast & Furious 9. L’attore aveva chiesto al collega di “non procedere con il film su Hobbs“ perché altrimenti la Universal avrebbe fatto slittare l’uscita del nono capitolo del franchise.

Tutta questa faccenda di Tyrese è stata alquanto deludente, più che altro perché sono stato suo amico davvero a lungo. Ho sempre pensato che le faide avessero bisogno di almeno due persone per essere tali, ma questa è sempre stata a senso unico con lui che peraltro è sempre stato molto attivo in tal senso sui social. Da quanto ne so aveva anche dei problemi di natura privata, ma no, non abbiamo parlato della cosa e non vedo perché dovremmo considerato che non c’è proprio bisogno di parlarne.

A seguire la sinossi di Fast & Furious: Hobbs & Shaw, il film con The Rock:

Dopo otto film che hanno incassato quasi 5 miliardi di dollari in tutto il mondo, la serie cinematografica Fast & Furious presenta ora il suo primo film che non è un capitolo della stessa, ma una nuova storia indipendente con Dwayne Johnson e Jason Statham che tornano nei loro ruoli di Luke Hobbs e Deckard Shaw.

Da quando il corpulento veterano del dipartimento di polizia Hobbs (Johnson), fedele agente del Diplomatic Security Service americano, e il fuorilegge Shaw (Statham), ex membro delle forze speciali britanniche, si sono affrontati per la prima volta nel settimo episodio del 2015, i due si sono scambiati battute e non si sono risparmiati colpi bassi nel tentativo di annientarsi a vicenda.

Ma quando l’anarchico Brixton (Idris Elba), cyber-geneticamente potenziato, ottiene il controllo di una insidiosa arma biologica che potrebbe modificare per sempre l’umanità – e riesce a surclassare una brillante e indomita agente del MI6 (Vanessa Kirby della serie TV The Crown), che oltretutto è la sorella di Shaw – questi due nemici giurati saranno costretti ad allearsi per annientare l’unico cattivo che potrebbe essere ancor più cattivo di loro.

Il film spalanca una nuova porta nell’universo di Fast propagando l’azione tipica della serie in tutto il mondo, da Los Angeles a Londra e dalle desolate e tossiche lande di Chernobyl, alla lussureggiante bellezza delle Isole Samoa.

Diretto da David Leitch (Deadpool 2) da una sceneggiatura del navigato architetto della narrativa della saga Chris Morgan, il film è prodotto da Morgan, Johnson, Statham e Hiram Garcia. I produttori esecutivi sono Kelly McCormick, Dany Garcia, Steven Chasman, Ethan Smith e Ainsley Davies.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione