In un nuovo articolo pubblicato poche ore fa Empire ci regala nuove rivelazioni a proposito di Avengers: Endgame.

Potrebbe sembrare una questione superficiale da trattare, ma come spiegato dagli sceneggiatori al Comic-Con di San Diego quello del Blip è un argomento ancora responsabile di una certa confusione tra gli appassionati. Con il termine, come spiegato da Spider-Man: Far From Home, ci riferiamo al ritorno in vita delle persone dopo lo Schiocco.

È Hulk a riportare in vita il 50% degli esseri viventi desiderando che tutti “tornino a casa”, senza cambiare nulla. In Far From Home abbiamo visto persone tornare in vita esattamente nello stesso punto in cui erano scomparse, ma questo chiaramente non vale nei casi più estremi, come spiegato da Kevin Feige:

Se la gente era in aereo quando si è polverizzata, non è tornata a 10.000 metri in aria. Non sono piombati dal cielo semplicemente perché Smart Hulk è sveglio, e quando ha schioccato le dita…puoi desiderare qualunque cosa tu voglia e puoi anche desiderare che tutti tornino in vita al sicuro. Fatto.

Il presidente dei Marvel Studios ha parlato di tutta l’esperienza di Avengers: Endgame con il giornale facendo qualche altra rivelazione in più sulla lavorazione e sulla pellicola in generale:

Robert Downey Jr. ha appreso del destino del suo personaggio a dicembre 2015

Ricordo di aver proposto le nostre idee a Robert a dicembre 2015, se non sbaglio. Parlammo del finale in due parti di Avengers e di Spider-Man: Homecoming, che sarebbe arrivato prima. C’è voluto un po’, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. All’inizio non sembrava vero che questo viaggio sarebbe finito. Mentre le riprese si avvicinavano per noi è stato molto emozionante, e lo è stato soprattutto per Robert.

Logan ha influenzato Avengers: Endgame

Abbiamo visto Logan così come ha fatto il pubblico, in un cinema senza aver avuto nulla a che fare con la realizzazione di quel film e la nostra reazione è stata: “Oddio, che fine splendida per Hugh e questo personaggio”. Ci sono pochissimi esempi per l’uscita di scena di un attore associato così tanto a un personaggio. Logan è al momento l’unico che mi viene in mente ed è quello che volevamo dare a Robert, è stato quello il nostro obiettivo.

Quando è stato girato il funerale?

Ottobre 2017, lo stesso giorno in cui scattammo la foto per il 10° anniversario. Ecco perché proprio quel giorno, perché c’erano tutti. Fu semplicemente pazzesco. […] Ricordo che Tom Holland a un certo punto si avvicinò per chiedermi: “Ma quella è Michelle Pfeiffer? Che sta succedendo?”. Gwyneth Paltrow fece lo stesso chiedendomi il perché della presenza di Sam Jackson, e altri le dissero: “Ma di che parli? È Nick Fury, avete recitato negli stessi film”.

Come fa il vecchio Steve a tornare indietro nel tempo?

Il vecchio Steve non ha la tuta speciale per i viaggi quantici quando lo ritroviamo sulla panchina alla fine del film, perciò come spiegato dai registi l’unica possibilità è che abbia già fatto il “salto” un po’ di tempo prima. Kevin Feige preferisce rimandare la conversazione:

“Una bella domanda, per un altro momento”. Chi lo dice? Maz Kanata nel Risveglio della Forza su come la spada di Luke sia finita nel suo castello. Da quando ho ascoltato quella battuta mi sono detto: “La userò spesso!”.

La scena che fa piangere Kevin Feige: Avengers, Uniti!

Quasi tutte le versioni, sin da quella su green screen, con gli attori che correvano su una pedana verde, mi faceva commuovere. Ogni volta. Molto più che le morti. Perché so che non sono morti, gli attori non sono morti, è tutta finzione, mentre quel momento in cui tutti tornano è diverso. Mi coglie nel profondo perché penso: “Santo cielo, abbiamo inserito tutti questi attori, abbiamo girato film con tutti questi personaggi”. Perciò quella scena mi commuove ogni volta.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Avengers: Endgame è arrivato al cinema il 24 aprile 2019.

CORRELATO:

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.

 

Consigliati dalla redazione