Nel trambusto successivo all’uscita di Spider-Man dall’Universo Cinematografico della Marvel è stato, ed è tutt’ora, complicato capire come siano andate e come stiano effettivamente le cose.

Più in basso potete trovare un pratico riepilogo dei principali articoli che abbiamo dedicato al divorzio fra i Marvel Studios e la Sony.

Adesso è il momento di segnalare le nuove dichiarazioni esternate da Tony Vinciquerra, CEO e Chairman di Sony Pictures Entertainment, durante il Variety’s Entertainment & Technology Summit.

L’executive ha ribadito che, allo stato attuale delle cose, la “porta è chiusa” per poi aggiungere in maniera alquanto criptica che “la vita è lunga” e che fra le due realtà non corre cattivo sangue per non aver raggiunto un accordo sulle condizioni di finanziamento e suddivisione degli incassi dei prossimi film di Spider-Man.

Vinciquerra ha ribadito che l’agenda di Kevin Feige, con il ritorno dei personaggi Marvel in mano alla Fox e i progetti per Disney +, è diventata anche più complicata di quanto non fosse prima per proseguire:

Abbiamo avuto una fantastica esperienza con lui per i film di Spider-Man. Abbiamo cercato di trovare una soluzione… la gente della Marvel è straordinaria, la rispettiamo enormemente, ma, d’altro canto, anche noi abbiamo delle persone davvero valide. Kevin non ha fatto tutto il lavoro. Spider-Man stava bene prima dei film evento, è andato ancora meglio con i film evento e ora che abbiamo il nostro universo, andrà bene anche con gli altri personaggi. Penso che saremo in grado di fare quello che dobbiamo fare con queste proprietà.

Spider-Man fuori dall’UCM, cosa c’è da sapere:

 

Consigliati dalla redazione