Dopo prime dichiarazioni piuttosto pacate, Anthony e Joe Russo si sono sbilanciati un po’ di più sul divorzio tra la Sony e i Marvel Studios in merito al futuro cinematografico di Spider-Man. Allo stato attuale delle cose, come sapete, l’Uomo Ragno di Tom Holland non potrà più comparire nei film dell’Universo Cinematografico Marvel,

Nel corso di un’intervista con il Toronto Sun, Anthony ha prima spiegato la difficoltà di portare l’arrampicamuri nell’Universo Marvel:

È stato così difficile portarlo in Civil War. È stato un lavoro estremamente lungo e arduo, ma eravamo decisi a portare a termine l’obiettivo. Kevin Feige c’è riuscito. La Disney e la Sony sono riusciti a trovare un modo ed è durato per alcuni film. Abbiamo avuto un’esperienza strepitosa e credo che il pubblico abbia particolarmente apprezzato quel connubio. Ma sappiamo quanto è stato difficile convolare a nozze, perciò il fatto che il matrimonio sia finito non è poi così sorprendente per me e Joe.

Il fratello, poi, si è lasciato andare con commenti più diretti su tutta la questione.

Tutta la lavorazione è stata caratterizzata da un accordo tenue e spinoso. Mi limiterò a dire, facendo un passo indietro e cercando di essere il più obiettivo possibile, che lo ritengo un errore tragico da parte della Sony pensare di poter ricreare l’abilità di Kevin nel raccontare storie incredibili con lo stesso successo ottenuto da lui nel corso degli anni. Credo sia un grosso errore.

Spider-Man fuori dall’UCM, cosa c’è da sapere:

 

Consigliati dalla redazione