In una nuova intervista con il New York Times, Bob Iger ha svelato, tra le altre cose, che la Disney un tempo pensò di acquistare Twitter, la celebra piattaforma social, ma di essersi tirato indietro all’ultimo.

Iger all’inizio credeva che il network si sarebbe rivelato un canale utile per modernizzare la distribuzione in casa Disney, ma dopo attente riflessioni si rese conto che Twitter non sarebbe stato adatto al marchio della casa di Topolino.

Come raccontato dal presidente del consiglio di amministrazione e amministratore delegato della The Walt Disney Company:

I problemi erano maggiori di quanti potessi farmi carico, più grandi di quanto fosse responsabile accettare. C’erano problemi con il brand Disney, la questione dell’impatto della tecnologia sulla società. La cattiveria è sconfinata. Mi piace guardare la mia bacheca Twitter perché seguo 15-20 persone diverse. Poi mi giro, guardo le notifiche e penso: “Perché lo sto facendo? Perché devo tollerare questo dolore?”. Queste piattaforme possono fare tanto bene al mondo, ma hanno anche il potere di fare del male. E non volevo farmene carico.

Nella stessa intervista, rilasciata a margine dell’uscita del suo libro di memorie, The Ride of A Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company”, Iger ha anche parlato degli errori fatti con Star Wars (ve ne abbiamo parlato in un articolo apposito).

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!