Alla fine, in merito alla querelle del momento, ovvero le opinioni non proprio favorevoli di Martin Scorsese e Francis Ford Coppola sui cinecomic, è intervenuto anche Bob Iger, il presidente e CEO della Disney.

Nonché l’uomo più potente di Hollywood.

In un’intervista al “Wall Street Journal’s Tech Live”, l’executive non ha usato la pacatezza di un Jon Favreau o l’ironia di un Taika Waititi, ma un’educata e pragmatica schiettezza.

Ecco quello che Bob Iger dice in riferimento a Scorsese e Coppola:

Quando Francis impiega le parole questi film sono spregevoli, direi come prima cosa che si tratta di una parola, “spregevole”, che personalmente riservo a qualcuno che commette una strage. Qua stiamo parlando di film. Poi esattamente con chi sta parlando? Con Kevin Feige? Con Taika Waititi e Ryan Coogler? O con Scarlett Johansson, Chadwick Boseman e Robert Downey Jr? Non la prendo sul personale e non sono infastidito, ma stanno effettivamente mancando di rispetto a tutte le persone che lavorano a questi lungometraggi che vengono visti da milioni di persone e sono infastidito per loro conto. Mi volete dire che nel momento in cui Ryan Coogler realizza un Black Panther fa qualcosa che, in un modo o nell’altro è inferiore a quello che Marty Scorsese o Francis Coppola hanno mai fatto con un loro film? Dai, lasciamo perdere. Ecco. L’ho detto.

Quando al panorama produttivo e distributivo aggiunge:

In tutta franchezza, il business della distribuzione cinematografica e della gestione delle sale ha, globalmente, dei margini relativamente risicati. Quando dei cinema propongono film del genere, e non parlo solo dei nostri, visto che mi sembra ci siano anche altre aziende che li producono, ottengono delle ottime performance e tutti guadagnano. Cosa che finisce per dare la possibilità di mettere in cartellone anche altre pellicole che magari non potranno vantare un analogo successo, ma per le quali esiste comunque un pubblico interessato. Il nostro business si basa sul fare quattrini. E i nostri affari sono redditizi. Ma allo stesso tempo in Disney cerchiamo di bilanciare la cosa col raccontare a tutto il mondo delle storie grandiose infuse di valori nobili supportando i nostri oltre 200.000 dipendenti in tutto il mondo con grande cura, franchezza e rispetto. Sai, Francis Ford Coppola e Martin Scorsese sono due persone per le quali nutro la massima stima in merito ai film che hanno fatto, film che ho apprezzato e che tutti noi abbiamo visto. Se vogliono lamentarsi dei film, ne hanno comunque diritto.

Per un rapido riepilogo di quello che è accaduto in questi ultimi giorni in materia:

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione