Dal nome di un pianeta a una sequenza molto particolare con Rey e Kylo Ren, arrivano oggi due conferme relative al trailer finale di Star Wars: L’Ascesa di Skywalker.

La prima arriva dallo Star Wars Show, che rivela che la statua distrutta in una scena del trailer è effettivamente (come avevamo suggerito nella nostra analisi) il piedistallo dove viene custodito l’elmo/reliquia di Darth Vader. Quello che resta da capire è se i personaggi interpretati da Daisy Ridley e Adam Driver siano effettivamente impegnati in un duello.

La seconda arriva da Disney Parks Blog e riguarda la luna “oceanica” su cui saranno ambientate diverse sequenze della pellicola di J.J. Abrams. L’ambientazione – che si chiamerà Kef Bir – sarà aggiunta all’esperienza di Star Tours – The Adventures Continue presente a Disneyland Resort, Walt Disney World Resort, Disneyland Paris e Tokyo Disney Resort.

Trattandosi di un’aggiunta di non poco conto con tutta probabilità l’ambientazione farà da sfondo a sequenze importanti della pellicola a dicembre nelle sale.

Ecco un’illustrazione:

LEGGI ANCHE

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker sarà al cinema il 18 dicembre 2019.

Nel cast torneranno Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (C-3PO), Billy Dee Williams, Carrie Fisher (grazie a materiale d’archivio) e ovviamente i nuovi protagonisti Daisy Ridley, Adam Driver, John Boyega, Oscar Isaac, Domhnall Gleeson, Kelly Marie Tran, Joonas Suotamo, Billie Lourd (figlia di Carrie Fisher), Lupita Nyong’o.

Nuovi membri del cast saranno Naomi Ackie, Keri Russell e Richard E. Grant.

Scritto da Abrams con Chris Terrio, il film uscirà a dicembre 2019. Alla produzione Kathleen Kennedy, Abrams e Michelle Rejwan, mentre alla produzione esecutiva vi saranno Callum Greene e Jason McGatlin. Nella troupe John Williams (colonna sonora), Dan Mindel (fotografia), Rick Carter e Kevin Jenkins (scenografi), Michael Kaplan (costumista), Neal Scanlan (creature e droidi), Maryann Brandon e Stefan Grube (montaggio), Roger Guyett (VFX), Tommy Gormley (primo assistente regista) e Victoria Mahoney (regista di seconda unità).

Consigliati dalla redazione