Durante un botta e risposta al Santa Barbara International Film Festival, Todd Phillips è tornato a parlare della lavorazione di Joker e ha alluso a una scena tagliata con Joaquin Phoenix in una vasca da bagno.

Il regista ha prima di tutto parlato del modus operandi sul set, spiegando che dopo aver terminato le riprese della giornata, lui e Phoenix iniziavano a improvvisare scene senza badare al copione:

Se finivamo una giornata in anticipo a volte iniziavamo a fare quella che io e Joaquin chiamavano “uno studio sull’insonnia”. Era una cosa tutta nostra se ci avanzava un’ora: mettevamo le luci in cucina e iniziavamo a girare ad esempio vicino al lavello o al frigorifero.

Mettevamo due cineprese, una operata da Larry (Sher) e l’altra da Jeff (Groth), e cominciavamo. Niente era nella sceneggiatura, ma era tutto frutto dell’improvvisazione di Joaquin. Ne abbiamo fatte varie, ma solo una è finita del film ed è quando [Arthur] ride dopo esser entrato nell’appartamento di Zazie (Beetz).

Un’altra, invece, con Fleck in una vasca da bagno è stata tagliata perché secondo il regista avrebbe potuto causare problemi con il visto censura:

Ne abbiamo girate altre due o tre, una splendida in una vasca da bagno, ma non credo potessimo inserirla in un film vietato ai minori, non perché fosse pornografica, ma per il fatto che fosse semplicemente folle.

Purtroppo non sono chiari i dettagli né ci sarà la possibilità di vederla visto che il regista ha ammesso di odiare sia le edizioni estese che le scene tagliate perché “vengono tagliate per un motivo“.

Negli Stati Uniti Joker ha ottenuto un visto censura di “R” che prevede che i minori vengano accompagnati da un adulto. Un NC-17 rappresenta invece un divieto assoluto ai minori.

LEGGI ANCHE

La sinossi ufficiale:

“Joker” del regista Todd Phillips è incentrato sulla figura dell’iconico cattivo, ed è un film autonomo originale, diverso da qualsiasi altro film apparso sul grande schermo fino ad ora. L’esplorazione di Phillips su Arthur Fleck, interpretato in modo indimenticabile da Joaquin Phoenix, è quella di un uomo che lotta per trovare la sua strada in una società fratturata come Gotham. Durante il giorno lavora come pagliaccio, di notte si sforza di essere un comico di cabaret… ma scopre che lo zimbello sembra essere proprio lui. Intrappolato in un’esistenza ciclica sempre in bilico tra apatia e crudeltà, Arthur prenderà una decisione sbagliata che provocherà una reazione a catena di eventi, utili alla cruda analisi di questo personaggio.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonte