Da Marvel’s Avengers: Endgame – the Art of the Movie arrivano una serie di concept, illustrazioni e curiosi dettagli sulla pellicola da record dei fratelli Russo.

Il primo riguarda Rocket, che come ritratto dal concept artist Jackson Sze avrebbe dovuto indossare un braccialetto con alcuni rametti di Groot. Si sarebbe trattato di un omaggio al piccolo amico scomparso dopo lo schiocco di Thanos.

So che Groot era diventato in cenere, ma immaginavo che magari fossero rimasti dei ramoscelli in giro. Era un tocco che non ha fatto molta strada” ha spiegato Sze sulla decisione della produzione di scartare la sua idea.

 

Il secondo riguarda gli Outrider: dal volume scopriamo che in origine era prevista una colossale battaglia che avrebbe visto i seguaci di Thanos scontrarsi contro una razza aliena militarizzata per dimostrare la potenza dell’esercito del Titano Folle. “Gli alieni in realtà compaiono nel film” ha spiegato Josh Nizzi, illustratore. “Ma solo per alcuni secondi prima di essere uccisi da Nebula e Gamora“.

Sulle armature di War Machine, invece, l’artista Phil Saunders ha spiegato:

War Machine è stato interessante da sviluppare perché durante la lavorazione erano previste tre armature. La Mark III di Civil War con cui si era schiantato, che doveva essere riparata; la Mark IV che doveva essere usata per andare su Morag e poi per un’intera scena ambientata sott’acqua. Quell’armatura doveva essere molto presente lì e avrebbe dovuto dissolversi a causa dell’acqua acida. Da lì avrebbe indossato la Mark V, che noi chiamavamo l’armatura cosmica visto che doveva essere usata per la battaglia nello spazio.

Ecco, infine, uno sguardo ad alcune varianti del costume di Hulk

Leggi anche:

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. T

Cosa ne pensate? Potere dire la vostra nello spazio dei commenti in calce all’articolo!

Fonte