Manca meno di un mese all’uscita di Piccole Donne, ma sono già uscite le prime recensioni internazionali del film scritto e diretto da Greta Gerwig, e sono tutte estremamente positive, tanto che non è da escludere che insieme a 1917 di Sam Mendes questa pellicola possa fare il suo ingresso nella stagione dei premi.

Vi riportiamo alcuni passaggi delle principali recensioni:

  • TheWrap – In un’era in cui il sentimentalismo è un condimento che i registi tendono a eliminare del tutto o a utilizzare con mano decisamente pesante, Gerwig costruisce un film che commuove senza essere manipolatorio. Questo è un Piccole Donne che durerà nel tempo.
  • Vulture – Non solo trabocca di vita, ma anche di idee sulla felicità, sulla realtà economica e su cosa significhi scontrarsi o adeguarsi alle aspettative verso il genere di una persona.
  • TimeOut – Se questo non è il Piccole Donne che ricordate pagina per pagina, è comprensibile. Ma probabilmente è il Piccole Donne che sentivate, e questo è ben più importante.
  • NewYorkPost – È un film che riscalda, da caminetto, anche se tende a lanciare fuori tizzoni ardenti.
  • USAToday – Uno spasso tremendamente attuale, a volte commovente e che intrattiene sempre.
  • IGN – Gerwig il più delle volte va sul sicuro con questo adattamento, ma un cast stellare e il suo impressionante occhio registico fanno sì che questo film sia una gioia da vedere.
  • TheFilmStage – Una versione moderna di Piccole Donne, tematicamente ricca e commovente, per le nuove generazioni e sicuramente per quelle che verranno.
  • ThePlaylist – Piccole Donne è ambizioso e incantevole, che racconta in modo originale una storia classica con una narrazione non lineare, per una nuova generazione di ragazze.
  • THR – La Gerwig ha preso un tesoro della letteratura popolare americana e lo ha riplasmato per una nuova generazione, che dovrebbe dare una lunga vita a questo film affascinante.
  • Indiewire – Gerwig e le sue ragazze conoscono il cuore e i pensieri delle sorelle. Piccole Donne è su di loro, soprattutto.
  • Variety – Come sperato, l’interpretazione della Gerwig rende onore al materiale originale, rimanendo ambientata al periodo storico e a mettendo insieme un cast da sogno.
  • TheGuardian – Non c’è nulla di “piccolo” nel film di Greta Gerwig, un ricco, caldo, appassionato e devoto nuovo tributo al classico di Louisa May Alcott.
  • EW – Un film leale allo spirito della Alcott, una donna che ha precorso i tempi.
  • Empire – Se c’erano dubbi sul fatto che Greta Gewrig è un talento nel cinema americano, mettiamoli pure a tacere ora.

Nel cast del film troviamo Saoirse Ronan, Florence Pugh, Emma Watson Eliza Scanlen, Timothée Chalamet, Meryl Streep, Laura Dern, Chris Cooper, Bob Odenkirk e James Norton.

Come noto, la storia tratta dal romanzo del 1869 di Louisa May Alcott è incentrata sulle vite di quattro sorelle: Meg, Jo, Beth e Amy. L’adattamento più noto è quello del 1994 diretto da Gillian Armstrong con Winona Ryder, Susan Sarandon, Claire Danes e Kirsten Dunst.

L’uscita del film, prodotto da Amy Pascal, Denise Di Novi e Robin Swicord per la Columbia Pictures su supervisione di Andrea Giannetti, è fissata per il 25 dicembre del 2019 negli Stati Uniti. Nelle nostre sale arriverà il 30 gennaio del 2020.

Questa la sinossi:

Meg, Jo, Beth e Amy, quattro sorelle dal carattere molto diverso, si trovano improvvisamente ad affrontare la guerra: devono cambiare la propria vita per sostenere la mamma, mentre il padre è nell’esercito. Decidono così di fronteggiare le difficoltà con allegria e spirito di iniziativa…

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!