James Mangold, con Logan prima e Le Mans ‘66 – La Grande Sfida (in originale Ford v. Ferrari), si è tolto due notevoli soddisfazioni.

È riuscito, un paio di anni fa, a girare un cinecomic Rated-R dedicato al più celebre X-Men che ha unito i favori di critica e pubblico, mentre ora è nelle sale di tutto il mondo con una pellicola decisamente vecchio stile come Le Mans ‘66 – La Grande Sfida, apprezzata dalla stampa e capace di attirare l’interesse del pubblico pagante in un contesto come quello attuale dominato da tentpole basati su franchise più o meno noti.

Ed è per questo che il filmmaker, oltre ad affermare di essere stanco di pellicole in un certo qual modo troppo “prevedibili”, ha lodato in una nuova intervista il rischio preso dalla 20Th Century Fox nel produrre questo film (approvato quando ancora la major non era passata nelle mani della Disney, ma distribuito poi dalla Casa di Topolino):

Sono davvero stanco di film in cui sai già dove tutto andrà a parare e il pubblico è molto contrastato a riguardo. Certe volte, quando una pellicola pare non sapere dove andare a parare, finisci per lamentarti, ma finisci per lamentarti quando sai benissimo cosa finirà per accadere. La realtà dei fatti è che sono più un fan di quei film dove riesco a rimanere sorpreso e non sto vedendo la stessa pellicola dell’anno precedente, ma in blu e con nuova gente. Il motivo per cui tengo davvero tanto a questo film è che lo studio si è assunto un rischio enorme nel farlo visto che non si basa su un bestseller o un supereroe, non c’è nulla che “costringa” il pubblico ad accorrere in sala.

Le Mans ‘66 – La grande sfida, la sinossi del film di James Mangold:

La pellicola si basa sull’incredibile storia vera del visionario designer di automobili Carroll Shelby (Damon) e dell’intrepido pilota britannico Ken Miles (Bale), che insieme si batterono contro l’interferenza delle corporation, le leggi della fisica e i loro demoni personali per costruire una rivoluzionaria auto da corsa per la Ford Motor Company e sfidare le imbattibili auto di Enzo Ferrari alla 24ore di Le Mans in Francia nel 1966.I vincitori dell’Oscar Matt Damon e Christian Bale sono i protagonisti di FORD v FERRARI, basata sulla incredibile storia vera del visionario designer di automobili Carroll Shelby (Damon) e dell’intrepido pilota britannico Ken Miles (Bale), che insieme si batterono contro l’interferenza delle corporation, le leggi della fisica e i loro demoni personali per costruire una rivoluzionaria auto da corsa per la Ford Motor Company e sfidare le imbattibili auto di Enzo Ferrari alla 24ore di Le Mans in Francia nel 1966.

 

Consigliati dalla redazione