John Waters, l’irriverente poeta del trash autore di perle indimenticabili come Pink Flamingos, Cry Baby, Grasso è Bello e La Signora Ammazzatutti, ha stilato, dalle pagine di Artforum, la sua Top Ten cinematografica del 2019 (che comprende anche dei documentari) e un film come Joker non poteva mancare dalla lista.

La riportiamo, integralmente a seguire:

  1. Climax, di Gaspar Noé
  2. Joan of Arc, di Bruno Dumont
  3. C’era una volta a… Hollywood, di Quentin Tarantino
  4. Border, di Ali Abbasi
  5. Amazing Grace, di Alan Elliott
  6. Hail Satan?, di Penny Lane
  7. Dolor Y Gloria, di Pedro Almodòvar
  8. Il Mostro di St. Pauli, di Fatih Akin
  9. The Souvenir, di Joanna Hogg
  10. Joker, di Todd Phillips

In merito a Joker, John Waters scrive:

Irresponsabile? Forse. Pericoloso? Vedremo. Il primo film di Hollywood ad alto budget a ispirare allegramente l’anarchia. Bravo, Todd Phillips. Solo tu potevi farcela.

Su Joker, il film di Todd Phillips, leggi anche

La sinossi ufficiale:

“Joker” del regista Todd Phillips è incentrato sulla figura dell’iconico cattivo, ed è un film autonomo originale, diverso da qualsiasi altro film apparso sul grande schermo fino ad ora. L’esplorazione di Phillips su Arthur Fleck, interpretato in modo indimenticabile da Joaquin Phoenix, è quella di un uomo che lotta per trovare la sua strada in una società fratturata come Gotham. Durante il giorno lavora come pagliaccio, di notte si sforza di essere un comico di cabaret… ma scopre che lo zimbello sembra essere proprio lui. Intrappolato in un’esistenza ciclica sempre in bilico tra apatia e crudeltà, Arthur prenderà una decisione sbagliata che provocherà una reazione a catena di eventi, utili alla cruda analisi di questo personaggio.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione