Ci siamo, oggi è il giorno in cui Star Wars: L’Ascesa di Skywalker comincia l’invasione delle sale cinematografiche italiane e non solo.

Fra poco pubblicheremo la nostra recensione della pellicola di JJ Abrams, l’embargo è scaduto alle nove di questa mattina. Embargo che, chiaramente, era valido per tutto il mondo, motivo per cui le prime recensioni di Star Wars: L’Ascesa di Skywalker sono iniziate ad arrivare online anche negli Stati Uniti e in Inghilterra.

Come al solito, questo si traduce con la pubblicazione da parte di Rottentomatoes del punteggio medio ottenuto in base alle recensioni in lingua inglese disponibili. E le notizie, al momento, sono decisamente poco confortanti: il capitolo finale della saga degli Skywalker si attesta su un poco esaltante 56% in base alle 43 recensioni prese in esame (sei delle quali dei cosiddetti Top Critic, ovvero di testate particolarmente autorevoli come la BBC, Hollywood Reporter e Variety).

Gli altri due episodi della Nuova Trilogia, Il Risveglio della Forza e Gli Ultimi Jedi, hanno ottenuto, rispettivamente, il 93% e il 91%.

 

 

Chiaramente, con l’aumentare dei pezzi considerati per il computo, la media potrebbe variare in meglio. O in peggio…

CORRELATI CON STAR WARS: L’ASCESA DI SKYWALKER

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker di J.J. Abrams sarà al cinema il 18 dicembre 2019.

Nel cast torneranno Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (C-3PO), Billy Dee Williams, Carrie Fisher (grazie a materiale d’archivio) e ovviamente i nuovi protagonisti Daisy Ridley, Adam Driver, John Boyega, Oscar Isaac, Domhnall Gleeson, Kelly Marie Tran, Joonas Suotamo, Billie Lourd (figlia di Carrie Fisher), Lupita Nyong’o.

Nuovi membri del cast saranno Naomi Ackie, Keri Russell e Richard E. Grant.

Scritto da Abrams con Chris Terrio, il film è prodotto da Kathleen Kennedy, Abrams e Michelle Rejwan.

Nella troupe John Williams (colonna sonora), Dan Mindel (fotografia), Rick Carter Kevin Jenkins (scenografi), Michael Kaplan (costumi), Neal Scanlan (creature e droidi), Maryann Brandon e Stefan Grube (montaggio), Roger Guyett (effetti visivi), Tommy Gormley (primo assistente regista) e Victoria Mahoney (regista di seconda unità).

Cosa ne pensate delle parole di Rian Johnson? Potete commentare qui sotto o sul forum!