Due anni dopo l’uscita di Tre manifesti a Ebbing, Missouri, il regista Martin McDonagh si prepara a lavorare un nuovo film per Film4 e Searchlight Pictures (che aveva prodotto il film nominato all’Oscar). E secondo quanto riporta Deadline, si tratterà di una reunion di In Bruges: faranno infatti parte del cast Brendan Gleeson e Colin Farrell, già protagonisti del celebre film di McDonagh.

Le riprese si terranno in estate, la storia ruota intorno a due amici di tutta una vita che abitano su una remota isola irlandese. Giunto a un punto morto, uno dei due chiude improvvisamente l’amicizia, e la cosa genera conseguenze allarmanti per entrambi.

Oltre a In Bruges, Farrell ha lavorato con McDonagh anche in Sette Psicopatici, mentre Gleeson ha fatto parte del cast di The Guard e Calvary, diretti da John Michael McDonagh, fratello di Martin.

Nel 2017 incontrammo McDonagh al Festival di Venezia, e parlammo con lui della sua carriera:

Sei stato deluso dal modo in cui è stato proposto al pubblico il film 7 psicopatici?

No, ma lo sono stato per quanto riguarda aver potuto imparare dagli errori compiuti con il film: non sono felice del risultato come lo sono stato con In Bruges o questo film. Alle volte devi aspettare per un po’ per capire quali sono stati i difetti di un progetto e rivedere i film uno dopo l’altro prima di girare Tre Manifesti a Ebbing, Missouri mi ha aiutato a comprendere che in occasione di In Bruges avevo fatto un buon lavoro con il personaggio di Colin Farrell e con la tristezza della storia, elemento che sosteneva la narrazione e dava spazio a un’ulteriore dimensione della trama. Non era solo divertente o fatto di battute e umorismo: c’era spazio nelle espressione e negli sguardi per mostrare la malinconia che faceva parte del protagonista, elemento che non c’era invece in 7 psicopatici.

Leggi tutta l’intervista