Dopo il video su come lavarsi le mani e quello sullo stare a casa, Arnold Schwarzenegger è tornato ad aggiornare i suoi fan sui social con nuovi video di “pubblica utilità” sull’emergenza Coronavirus.

L’attore ed ex Governatore della California ha detto che d’ora in poi pubblicherà quotidianamente dedicati agli esercizi che gli anziani possono fare a casa per allenarsi e tenersi in forma fisicamente, consigli di una certa autorevolezza visto che vengono dall’ultrasettantenne più in forma di Hollywood:

I dottori dicono che andare in bicicletta va bene, quindi è l’unico modo in cui mi allontano da casa, ma se decidete di farlo anche voi o di fare una passeggiata non fermatevi: evitate il contatto sociale. Mi scuso con tutti, ma non mi fermerò a fare selfie. Rimanete positivi e rimanete al sicuro!

Nel video ricorda di NON uscire di casa se avete più di 65 anni, e che l’unica cosa che i dottori consigliano di fare sono i giri dell’isolato come quello che ha fatto lui in bici:

Ecco poi un messaggio a tutti gli spring-breakers: rimanete a casa!

Sono a casa, nella mia jacuzzi, con un bel sigaro… ho finito un giro in bici e mi sono allenato… Semplicemente: continuo a rimanere a casa, lontano dalla folla. Il motivo per cui lo dico, è che continuo a vedere folle di persone nei café, in tutto il mondo, gente che si diverte in luoghi affollati… Non è saggio. È così che si prende il virus, con il contatto con le altre persone. State lontani dalla folla, state lontani dai ristoranti e dai café. Specialmente ora, in primavera, quando tutti i ragazzi vanno in spiaggia, festeggiano e si ubriacano… State a casa! Solo così potremo superare questo problema e sconfiggere il virus. Seguite le indicazioni: rimanete a casa. Metti giù quel biscotto, SUBITO!

Ovviamente “put that cookie down, NOW” è una citazione da Una promessa è una promessa:

 

 

Cosa ne pensate di questo nuovo video diffuso da Arnold Schwarzenegger? Potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto.

In questa pagina trovate tutte le nostre notizie collegate alle ripercussioni che tutto ciò sta avendo sull’industria del cinema.