Ancora non è chiaro quando ripartiranno le produzioni cinematografiche e televisive negli Stati Uniti, ma in uno speciale pubblicato da Variety viene riportato che nel caso di Mission: Impossible 7 la Paramount potrebbe decidere di cancellare completamente le riprese del film previste in Italia. Questo perché la speranza di Tom Cruise e del team è quella di tornare sul set a giugno, ma è difficile che si possa tornare a compiere viaggi internazionali prima di diversi mesi. È altrettanto improbabile che qualsiasi produzione possa ripartire finché non vi sarà un modo per essere certi che i set siano liberi dal Coronavirus, quindi al momento è ancora tutto in dubbio.

Secondo il sito, i filmmaker potrebbero decidere di spostare all’autunno le riprese in esterni a Venezia e a Roma, ma se ora di allora non fosse ancora sicuro viaggiare è possibile che cambino completamente i piani per il film. Vi ricordiamo che dopo lo stop alle riprese a Venezia, la produzione aveva iniziato a ricostruire i set di Venezia in teatro di posa a Londra, salvo poi interrompere definitivamente la lavorazione del film.

Al momento Steven Soderbergh sta guidando una task force della Director’s Guild per determinare quando le produzioni potrebbero ripartire e quali nuovi standard andranno rispettati per mantenere i set al sicuro, incluso l’obbligo di misurazione della temperatura prima di entrare sul set, l’utilizzo di test sierologici e l’obbligo dell’utilizzo di mascherine e di autoisolamento negli alberghi.

In Mission: Impossible 7 e 8 ritroveremo, oltre a Tom Cruise, anche Rebecca FergusonHayley AtwellPom KlementieffNicholas Hoult, Vanessa KirbyShea Whigham. Christopher McQuarrie scriverà e dirigerà i due film (il terzo e il quarto da lui scritti e diretti). Continua poi la partnership con la Skydance di David Ellison, che co-produrrà le pellicole. La Paramount Pictures si occuperà della co-poduzione e della distribuzione.

Il settimo episodio, teoricamente, arriverà nelle sale americane il 23 luglio 2021, mentre l’ottavo arriverà il 5 agosto 2022.

Cose ne pensate? Diteci la vostra nei commenti!