La Amblin Partners di Steven Spielberg ha stretto un accordo con Wes Ball per affidare al regista della saga di Maze Runner il timone di un nuovo film, l’adattamento cinematografico di Le prime quindici vite di Harry August, romanzo di Claire North del 2015.

La storia segue le vicende di Harry August che, una volta morto, rinasce esattamente nello stesso posto e nello stesso anno, ricordando le sue vite precedenti.

La sceneggiatura sarà curata da Melissa Iqbal (The Nevers), mentre Graham BroadbentPeter Czernin della Blueprint Pictures saranno produttori assieme a Joe Hartwick Jr. (Maze Runner) della Oddball Entertainment di Ball.

Oltre a questo progetto, Wes Ball dirigerà anche il nuovo film della serie di Il pianeta delle scimmie.

Questa la sinossi del romanzo:

Ogni volta che muore, Harry August rinasce esattamente nello stesso luogo e nello stesso anno. Un potere o una condanna, che Harry affronta vivendo vite sempre diverse, così da fuggire a un’esistenza prevedibile, cercare la sua strada e dare un senso al tempo che si ripete in circolo, all’infinito. Non sa perché succeda né che ci sono altri come lui, fino al giorno in cui una bambina gli dice: “La fine del mondo sta arrivando. Adesso tocca a te”.

Le prime quindici vite di Harry August è la storia di quello che Harry fa dopo aver ricevuto questo messaggio, quando capisce che il progresso si sta muovendo troppo in fretta e sta cambiando la storia e l’intera umanità.

In un intrigo che si svela come scatole cinesi da una vita all’altra, Harry attraversa il Novecento fino ai giorni nostri, dalle guerre mondiali al boom economico, passando per le scoperte scientifiche e gli sviluppi sociali del secolo. Una storia di viaggi e sogni, amicizia e tradimento, amore e solitudine, di gioia, lealtà e dello scorrere inesorabile del tempo. Ma anche un giallo fantascientifico con accenti dickensiani, in un romanzo che sta conquistando il pubblico di tutto il mondo.

Fonte