In attesa di tornare al lavoro sui sequel di Avatar, James Cameron sta affrontando il lockdown come tantissime altre persone: rivedendo film, e in particolare dei veri e propri guilty pleasure. Parlando con Empire Magazine, il regista ha svelato qual è uno di questi guilty pleasure, ed è un titolo forse inaspettato, perché è l’adattamento cinematografico di un videogioco:

Uno dei miei guilty pleasure, un film che in realtà penso sia realizzato veramente bene, è Resident Evil. Vedere Michelle Rodriguez muoversi in quel film come una creatura selvaggia è fantastico.

Ma Cameron sta approfittando del lockdown anche per educare le sue figlie all’amore per il cinema:

Sto cercando di organizzare queste serate di cinema in famiglia. Ho i miei figli in casa e i loro gusti sono così diversi dai miei. Ma cerco di espandere i loro orizzonti almeno un po’. L’altra sera avevano una voglia matta di western e gli ho proposto: “Che ne dite di vedere Il Grinta con John Wayne?” Mi hanno risposto: “Chi?” Al che ho detto: “Ok, vediamo Il Grinta.” Lo hanno assolutamente amato. Le mie figlie adolescenti sono molto appassionate di cavalli, e ora sanno anche chi è John Wayne.

Il regista, lo ricordiamo, a breve potrebbe ricevere il via libera per tornare in Nuova Zelanda a girare i sequel di Avatar dopo che il paese ha allentato le misure del lockdown facendo ripartire le produzioni.

I quattro sequel di Avatar sono in lavorazione dal 2017, ognuno avrà un budget di circa 250 milioni di dollari. Era previsto un nuovo blocco di riprese ad aprile, ma è stato tutto sospeso a causa dell’emergenza sanitaria.

Secondo la scaletta di produzione, la lavorazione di Avatar 2 e Avatar 3 dovrebbe terminare entro la fine del 2020, con l’uscita di Avatar 2 fissata per il 17 dicembre 2021 e quella di Avatar 3 fissata per il dicembre 2023. Avatar 4 dovrebbe uscire a dicembre 2025, mentre Avatar 5 a dicembre 2027.

In questa pagina trovate tutte le nostre notizie collegate alle ripercussioni che tutto ciò sta avendo sull’industria del cinema.