David Ayer torna a parlare su Twitter di Suicide Squad, il film DC da lui diretto e poi “manomesso” nel corso della post-produzione, dal tono al finale alternativo.

La pellicola inizialmente doveva essere molto cupa, ma poi nel corso della lavorazione sono state effettuate alcune riprese aggiuntive e sfruttati alcuni espedienti per alleggerirne il tono.

Il regista ha così confermato che nei piani iniziali i seguaci dell’Incantatrice avrebbero dovuto essere trasformati in Parademoni e che Steppenwolf avrebbe dovuto fare un’apparizione nel finale.

 

 

Ha però specificato che le scene con Steppenwolf non sono mai state girate, anche perché all’epoca la Warner Bros. aveva già deciso di sfruttarlo in Justice League.

 

 

Quello che invece è stato girato è un finale alternativo in cui vedevamo Joker sopravvivere allo schianto dell’elicottero e stringere un accordo con l’Incantatrice per riprendersi Harley, diventare il re di Gotham e partecipare in generale al terzo atto.

 

 

Nella discussione è inoltre intervenuta un’addetta ai lavori che ha spiegato:

Ho lavorato un po’ alle riprese, ho visto il film e mi sono chiesta dove fosse finito il trailer. Non mi è sembrato lo stesso progetto a cui ho lavorato. Adorerei vedere il tuo montaggio e qualcosa mi dice che sarebbe diverso e molto meglio.

 

 

Del terzo atto alternativo abbiamo avuto un assaggio nel corso della promozione, che ha confermato che Joker avrebbe dovuto imbattersi nella Suicide Squad e lanciare contro la squadra una granata.

 

joker3

 

La pellicola, diretta da David Ayer, è uscita nelle sale americane il 5 agosto 2016 e il 13 agosto in Italia.