Rob Liefeld ha voluto chiarire la propria posizione in merito a Deadpool 3 dopo le ultime dichiarazioni che a detta del fumettista potrebbe essere state fraintese:

Ho voluto accettare questa intervista per avere occasione di chiarire quelle che ho sempre  ritenuto dichiarazioni innocue. La gente mi dipinge come arrabbiato, ma io sono una delle persone più solari al mondo. Sono un tipo felice, sono grato e riconoscente.

È poi tornato a parlare dello status di Deadpool 3 in casa Marvel Studios:

A dispetto di tutto ciò che io possa conoscere dall’interno, quello che so è che a meno che un film non abbia una data, le intenzioni non sono serie. Quello che la gente non sa è che mi sono accertato del programma dei prossimi, diciamo, cinque anni [dei Marvel Studios] e Deadpool e non c’è. Perciò non vedo come faccia ad arrivare prima.

La preoccupazione di Liefeld è che il pubblico finisca per perdere interesse se i Marvel Studios non dovessero darsi una mossa:

Il mio punto di vista è questo: avete avuto accesso a questo personaggio? Dategli priorità. Non voglio fare il presuntuoso, ma riconosco soltanto che si tratta di merce di valore. E poi ho tre figli adolescenti e so quanto velocemente cambino i loro interessi.

Il co-creatore di Deadpool ha ammesso che un film non rientra nei suoi interessi, perché gli assegni li stacca comunque:

Deadpool mi garantisce entrate sin dal 1991… vengo già pagato. Se questo film verrà fatto o meno, io staccherò comunque un grosso assegno.

Liefeld ha ribadito che qualora i Marvel Studios dovessero dare il via libera al film, Ryan Reynolds dovrebbe avere le redini del progetto e ha parlato, in generale, della lezione appresa dalle polemiche nate dalle sue dichiarazioni:

Ho semplicemente risposto in modo onesto ad alcune domande. La cosa che ho imparato questa settimana è che è meglio mentire. Ti basta parlare alla gente di lecca-lecca, unicorni e arcobaleni per goderti alla vita, perché alla gente piace sentire bugie.

Cosa ne pensate delle parole di Rob Liefeld? Ditecelo nei commenti!

Fonte