Potremmo mai vedere un live action prodotto da Don Hahn e ispirato al Phantom Manor di Disneyland Paris?

In occasione dell’arrivo su Disney+ il prossimo 7 agosto di “Howard – La vita, le parole”, il documentario di Don Hahn dedicato al leggendario paroliere due volte premio Oscar (per La Sirenetta e poi, postumo, per La Bella e la bestia) Howard Ashman, abbiamo avuto la possibilità d’intervistare proprio il regista di questa produzione.

Don Hahn in Disney è una vera e propria leggenda che ha prodotto, fra gli altri, il già citato La Bella e la Bestia, Il Re Leone, Il Gobbo di Notre Dame e Le Follie dell’Imperatore.

In ambito di avventure nel live action, si deve a lui l’arrivo nelle sale, nel 2003, di La Casa dei Fantasmi, il film diretto da Rob Minkoff (Il Re Leone, Stuart Little) e interpretato da Eddie Murphy ispirato all’omonima ride dei parchi Disney. Uscito nello stesso anno del primo Pirati dei Caraibi, lungometraggio anch’esso basato sull’attrazione dei theme park della major, non ottenne però lo stesso sensazionale successo di pubblico.

Nella nostra chiacchierata con Don Hahn, che vi proporremo in forma integrale la prossima settimana, abbiamo chiesto al produttore, ora uomo di punta della divisione Disneynature, se gradirebbe produrre una nuova iterazione del film basata, magari, sulla versione francese della Casa dei Fantasmi, il ben noto Phantom Manor ospitato a Disneyland Paris nell’area tematica Frontierland. Anche se l’ispirazione della ride resta, chiaramente, la medesima di quelle presenti nei parchi statunitensi, i Disney Imagineering hanno scelto di ampliare la mitologia e la storia della stessa collegandola, in maniera diretta, a quella del Big Thunder Mountain, l’ottovolante mine train che si affaccia sul lago antistante al lugubre maniero.

Ecco cosa ci ha detto:

Assolutamente sì. Sai, la cosa grandiosa di Walt Disney e delle attrazioni situate nei parchi che portano il suo nome, è che si basa davvero tutto sul concetto di storytelling. I parchi a tema, le montagne russe, prese come elementi a sé stanti, non erano delle novità. La geniale intuizione di Walt Disney è stata quella di donare una storia a queste attrazioni. Anche il concept stesso di una Casa dei Fantasmi non è un’idea nuova, ma il dare una storia a Master Gracey e tutta la vicenda alle spalle di una ride, finisce per rendere davvero speciale quella che, altrimenti, finirebbe per essere una normale attrazione. Ed è questo il motivo per cui sia tu che io amiamo qualcosa come il Phantom Manor, La casa dei Fantasmi o come preferiamo chiamarla. Ed è esattamente la stessa ragione per cui risultano decisamente attraenti anche per i filmmaker. Non è un caso che ci siano così tanti film ispirati alle ride, pensa anche solo a Jungle Cruise in uscita il prossimo anno. Sono elementi narrativi già pronti da sfruttare, che stanno nei parchi Disney in attesa che qualcuno li trasformi in film. Quindi, riassumendo, sì, Qualsiasi filmmaker amerebbe mettere le proprie mani su storie come queste.

Ecco, a seguire, un po’ di foto del Phantom Manor di Disneyland Paris scattate in occasione della nostra ultima visita al parco alle porte di Parigi lo scorso novembre.

 

 

Qua sotto potete ammirare il trailer di Howard – La Vita, le parole, in arrivo il 7 agosto su Disney+:

 

 

Cosa ne pensate di quanto detto da Don Hahn? Vi piacerebbe vedere una nuova versione cinematografica di La Casa dei Fantasmi ispirata al Phantom Manor?

Ditecelo nei commenti!