Ron Howard è tornato a parlare di Solo: A Star Wars Story, il secondo spin-off di Guerre Stellari che, malgrado il tormentato destino produttivo e il box office “in rosso” ha comunque guadagnato un certo seguito fra il fandom con i passare del tempo.

In un’intervista a Radio Andy su SiriusXM (via CB.com), Ron Howard ha spiegato:

Al momento non c’è alcun sequel in programma, ma devo dire che è straordinario far parte di questo film di Star Wars che è diventato una specie di “successo underground”, che non è proprio quello che t’aspetti da una pellicola del genere. Ma il viaggio di questo film è stato davvero strano e bizzarro.

Un paio di settimane fa, durante la promozione di Brave New World, anche Alden Ehrenreich era tornato a discutere del ruolo di Han Solo dichiarandosi felicissimo per il supporto dei fan e di tutti quegli spettatori che hanno “riscoperto” la pellicola di Ron Howard.

Quanto a un suo ritorno nei panni dell’iconico personaggio reso leggenda da Harrison Ford aveva aggiunto:

Lo farei, ma dovrebbero esserci i presupposti giusti. La cosa avvincente e liberatoria di Han Solo, per certi versi, è il suo senso del divertimento. La parte che preferisco del personaggio ingrana la marcia nel finale, quando diventa quel tipo di persona e l’uomo che amiamo. Partire da quel punto in poi sarebbe interessante, perciò vedremo. Credo che siano diventati così creativi con Star Wars, distribuendo le storie in modi diversi, che magari potrebbe saltar fuori un espediente fresco e interessante. Vedremo, chi lo sa?

Chissà, magari, prima o poi, potremo ritrovarlo alla guida del Millennium Falcon in un progetto concepito per Disney+? Staremo a vedere.

Solo: A Star Wars Story è uscito il 25 maggio 2018 negli USA e il 23 maggio in Italia.

Cosa ne pensate delle parole di Ron Howard? Ditecelo nei commenti!