Cos’è servito ai dirigenti della Universal Pictures per dare il via libera al film da 200 milioni di dollari con Tom Cruise nello spazio? Una riunione su Zoom.

Stando a quanto riportato da Deadline, Cruise, il regista Doug Liman, il produttore PJ van Sandwijk e Christopher McQuarrie (produttore e consulente sulla sceneggiatura) hanno proposto tutte le loro idee alla major nel corso di una riunione virtuale, senza neanche uno script, e questo è bastato per convincere lo studio a impegnarsi in questo progetto titanico.

Per il progetto, ricordiamo, sono state coinvolte la SpaceX di Elon Musk e la NASA,

Liman produrrà la pellicola insieme a Cruise: i due non vedono l’ora di lavorare nuovamente insieme dopo il successo di Edge of Tomorrow e il recente Barry Seal – Una storia americana. Il regista ha diretto anche pellicole come Mrs. & Mrs. Smith e The Bourne Identity. Il budget sarà circa 200 milioni di dollari, ma si tratta di una cifra indicativa visto che la pre-produzione non è ancora partita. Cruise dovrebbe invece guadagnare tra i 30 e i 60 milioni di dollari secondo fonti interne.

Si tratta di un progetto molto ambizioso, del quale sappiamo ancora pochissimo: non sono noti né il titolo né i dettagli della trama, quello che è certo è che Cruise e Liman intendono recarsi nello spazio per girare il film con l’aiuto della NASA, che qualche mese fa ha confermato il proprio coinvolgimento spiegando che le riprese si svolgeranno a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. SpaceX, verosimilmente, potrebbe essere coinvolta nei trasporti necessari a raggiungere l’ISS.

Il film, lo ricordiamo, non è collegato al franchise di Mission: Impossible (che al momento ha la priorità negli impegni dell’attore) e se verrà realizzato sarà il primo film di finzione narrativa mai girato nello spazio.

L’intenzione è di rendere il film un colossale evento cinematografico.

Che ne dite del film con Tom Cruise ambientato nello spazio?