Robert Downey Jr ha ormai archiviato la pratica Universo Cinematografico della Marvel, ma, a quanto pare, impiegherà il know-how decennale per lo sviluppo dei vari progetti collegati alla saga di Sherlock Holmes.

Sì, avete capito bene, la saga di Sherlock Holmes.

Nonostante il secondo film diretto da Guy Ritchie, Gioco di Ombre, sia uscito ormai ben nove anni fa e nonostante, dopo le notizie relative al tax credit garantito lo scorso anno dallo stato della California alla Warner per le riprese del terzo episodio (che vedrà dietro alla macchina da presa Dexter Fletcher, il regista di Rocketman) non abbiamo saputo sostanzialmente più nulla in materia.

Dal Fast Company Innovation Festival, Robert Downey Jr e sua moglie, la produttrice Susan Downey, hanno però spiegato che la loro idea per il franchise si basa proprio sul creare una serie di progetti interconnessi fra cinema e TV, in maniera analoga a quanto stanno facendo i Marvel Studios con le loro IP.

Robert Downey Jr: a questo punto ci pare proprio che un universo cinematografico basati sui misteri non esista ancora e quello di Conan Doyle potrebbe essere la voce definitiva in tal senso. Per cui mi chiedo perché fare un terzo film se poi non gli dai la possibilità di dare forma a degli spin-off che vadano aggiungere diversità e altri elementi?

Susan Downey: pensiamo ci siano delle effettive possibilità per ampliare la storia. Magari degli spin-off sui personaggi che vedremo nel terzo film e vedere cosa accadrà nel panorama televisivo, guardando a quello che WarnerMedia sta cominciando a fare con HBO ed HBO Max. Avere questo decennio in cui ci siamo mossi con cautela, osservando quello che accadeva intorno a noi avendo l’opportunità di lavorare con la Marvel osservandoli mentre stavano edificando il loro Universo, è stata un’esperienza inestimabile. Una master-class continua.

Cosa ne pensate dei progetti di Robert Downey Jr e Susan Downey relativo a Sherlock Holmes? Ditecelo nei commenti!