Qualche giorno fa Timothée Chalamet ha pubblicato sul suo profilo Instagram un selfie che tuttavia non è passato inosservato, nemmeno agli occhi attenti di Armie Hammer, attore con cui ha condiviso lo schermo in Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino.

Sotto a quella foto Hammer ha lasciato un peculiare commento abbastanza criptico: ““OoOOOoOoooo KING S—T!!! 🍆🍆🍆💦💦💦💦💦❤️❤️❤️❤️🔥🔥🔥🔥,”, commento che ha spinto i fan a cercare un significato più concreto. Un indizio sul sequel di Chiamami col tuo nome?!

Tuttavia lo stesso Hammer, parlando con Variety ha spiegato che in realtà il commento era principalmente goliardico:

La gente era così eccitata. Non penso che si siano resi conto che in realtà stavo solo scherzando in maniera ridicola come fanno le persone su internet oggi.

Qua sotto trovate il post di Chalamet:

 

 

Questa la sinossi del romanzo, uscito alla fine del 2019:

Sono passati parecchi anni da quell’estate in Riviera: Elio, in piena confusione adolescenziale, aveva scoperto la forza travolgente del primo amore grazie a Oliver, lo studente americano ospite del padre nella casa di famiglia. Erano stati giorni unici, in grado di segnare le loro vite con la forza di un desiderio incancellabile, nonostante ciascuno abbia poi proseguito per una strada diversa. Questo romanzo di André Aciman si apre con l’incontro casuale su un treno tra un professore di mezza età e una giovane donna: lui è Samuel, il padre di Elio, sta andando a Roma per tenere una conferenza ed è ansioso di cogliere l’occasione per rivedere suo figlio, pianista affermato ma molto inquieto nelle questioni sentimentali; lei è una fotografa, carattere ribelle e refrattaria alle relazioni stabili, e in quell’uomo più maturo scopre la persona che avrebbe voluto conoscere da sempre. Tra i due nasce un’attrazione fortissima, che li porterà a mettere in discussione tutte le loro certezze. Anche per Elio il destino ha in serbo un incontro inaspettato a Parigi, che potrebbe assumere i contorni di un legame importante. Ma nulla può far sbiadire in lui il ricordo di Oliver, che vive a New York una vita apparentemente serena, è sposato e ha due figli adolescenti, eppure… Una parola, solo una parola, potrebbe bastare a riaprire una porta che in fondo non si è mai chiusa.

Uscito nel 2007, Chiamami col tuo Nome è diventato un best-seller ed è stato adattato per il cinema nel 2017 con un film che ottenuto l’Oscar per la miglior sceneggiatura adattata.