Non manca molto all’appello da Black Panther, il cinecomic di Ryan Coogler ora nei cinema di tutto il mondo. Rispetto a quanto trapelato attraverso la campagna promozionale, sembra che dal film sia stato tagliato decisamente poco.

Passiamo comunque in rassegna tutto il materiale finito sul pavimento della sala montaggio.

 

 

La Famiglia di Nakia

In un’intervista con Digital Spy, Ryan Coogler ha confessato di non aver potuto girare una scena per sviluppare il personaggio interpretato da Lupita Nyong’o:

Ero così innamorato del Wakanda, volevo esplorarlo di più. Nello script c’era una scena che abbiamo dovuto tagliare per risparmiare in cui T’Challa e Nakia corrono per il Wakanda. Immaginate una scena in stile Rocky o Muhammad Ali come in “Quando eravamo Re” in cui si correva per arrivare a casa di Nakia per conoscere i suoi genitori.

Non potevamo permettercela e abbiamo dovuto tagliarla. Guardando il film mi rendo conto che non avrebbe comunque trovato spazio, l’avremmo tagliata comunque anche se l’avessimo girata.

Ajo e Okoye

Nel montaggio iniziale del film c’era un momento in cui Ayo (Florence Kasumba) flirtava con Okoye (Danai Gurira). “Hai un bell’aspettodiceva Ayo a Okoye in una scena. “Lo so” ribatteva sorridendo il generale.

L’attrice ha confermato di aver girato la scena in un’intervista con Vulture, anche se ha ammesso di non sapere perché sia stata tagliata.

Lo sceneggiatore del film Joe Robert Cole ha parlato della sequenza su richiesta di Screen Crush alludendo alla possibilità di una storia omosessuale:

In breve, sì. Ci sono state conversazioni su una serie di possibilità, direzioni diverse per alcuni personaggi. Non ricordo la scena di cui parli, ma credo che fosse un momento fugace. So che non è un tema che volevamo affrontare nella storia.

Va precisato che nel film Okoye ha una relazione con W’Kabi (Daniel Kaluuya) e la cosa gioca un ruolo fondamentale in un momento chiave della battaglia finale.

Everett Ross

Chadwick Boseman ha confermato che alcuni momenti con Everett Ross sono finiti sul pavimento della sala montaggio e in effetti in uno degli ultimi trailer sentiamo Martin Freeman pronunciare battute non presenti nella versione finale del lungometraggio:

Ho visto degli dei volare, ho visto uomini costruire armi inimmaginabili, ho visto alieni cadere dal cielo. Ma non ho mai visto niente come questo. Quanto ancora nascondi?

Il Finale Alternativo

Il discorso di T’Challa davanti alle Nazioni Unite, inserito come prima scena dei titoli di coda, doveva in origine essere la scena finale del film. Ne è una prova il fatto che la sequenza fosse presente nei materiali promozionali (il primo trailer e questo spot) dedicati alla pellicola di Ryan Coogler.

Il regista ha avuto modo di confermare la cosa nel corso della promozione. Interrogato sul perché non abbia tenuto la sequenza nel film, il filmmaker ha spiegato:

La situazione era complessa. In sala montaggio ci siamo interrogati a lungo sulla questione io e i due fantastici montatori Michael Shawver e Debbie Berman. Sapevamo di avere la possibilità di inserire una sequenza nei titoli di coda se avessimo voluto.

Alla fine Coogler ha optato per chiudere il film con la scena in cui T’Challa e Shuri approdano a Oakland, in California, nel campo da pallacanestro dove è iniziato il film:

Alla fine ci siamo posti un problema di simmetria, volevamo chiudere dove avevamo cominciato. Se ci riflettete, la scena all’ONU e quella a Oakland rappresentano praticamente la stessa cosa. Svela chi sono i wakandiani. L’unica differenza sta nel destinatario. Abbiamo pensato che in questo modo, [con i bambini che scoprono di Wakanda] fosse più emozionante.

A seguire, alcuni momenti inediti rispetto a quanto mostrato al cinema con Everett Ross che nota l’entourage di T’Challa.

 

LEGGI ANCHE

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Dalla sinossi:

Il film Marvel Black Panther è ambientato dopo gli eventi raccontati in Captain America: Civil War e vede T’Challa tornare nell’isolata e tecnologicamente avanzata nazione africana di Wakanda per prendere il suo posto come Re. Ma quando un vecchio nemico farà ritorno, il suo ruolo come sovrano e la sua identità come Black Panther verranno messe alla prova e T’Challa sarà trascinato in un conflitto che metterà a rischio il destino di Wakanda e di tutto il mondo.

A dirigere la pellicola Ryan Coogler (Creed) su una sceneggiatura scritta assieme a Joe Robert Cole. L’uscita del film è avvenuta il 14 febbraio 2018 in Italia, il 16 negli USA.

FONTE: CBM