Come vi avevamo precedentemente riportato, Chris Pratt aveva pubblicamente dichiarato di voler pregare per Kevin Smith dopo il ricovero in ospedale del regista di Clerks a seguito di un attacco di cuore. Curiosamente, la cosa aveva scatenato le reazioni più disparate da parte degli utenti, sollevando un polverone che nulla aveva a che fare con le intenzioni originarie dell’attore, mirate innanzitutto a mandare a Smith qualche pensiero positivo e ad augurargli buona guarigione. A parziale “difesa” di Pratt è intervenuto, com’è noto, anche James Gunn, regista di Guardiani della Galassia.

Ebbene, lo stesso Smith è intervenuto sulla faccenda rivelando di aver molto apprezzato che Pratt gli abbia indirizzato qualche preghiera. Durante una live su Facebook, Smith ha difatti commentato:

Povero Chris Pratt, uno dei miei attori preferiti al mondo, nei casini per un tweet dolcissimo che diceva “Hey amico, non ti conosco ma ho adorato Clerks e pregherò per te”. Apparentemente, molta gente ha commentato “Al diavolo le tue preghiere” e gli si è rivoltata conto per una cosa del genere. E in tutto questo James Gunn è intervenuto dicendo “Ragazzi guardate che non c’è niente di male nel pregare per qualcuno”. Dio mio! Chris Pratt è comunque il numero uno. Quando può essere toccante tutto questo? Star-Lord che prega per me!

Smith, lo ricordiamo, stava registrando un nuovo episodio del programma Comic Book Men (in onda sulla AMC) in New Jersey quando ha avuto un attacco di cuore ed è stato trasportato in ospedale, dove gli è stata salvata la vita. Fuori pericolo, aveva scritto via Twitter “Se non avessi cancellato il secondo spettacolo per andare in ospedale, sarei morto questa sera. Ma per ora sono ancora sopra la terra!

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonte: CB